Home / #ErsuCultura / Scienza, arte e cultura nella Sicilia arabo-normanna, un convegno a Palermo
Screenshot_20181106-233645_Facebook

Scienza, arte e cultura nella Sicilia arabo-normanna, un convegno a Palermo

L’Officina di studi medievali insieme all’associazione INCONTEMPORANEA ARTE ATTIVA e all’Università di Messina, con i patrocini dell’Università Complutense di Madrid, l’Università degli studi di Palermo e l’Ordine degli architetti della provincia di Palermo, organizza per i giorni 9 e 10 novembre 2018, a Palazzo Comitini (via Maqueda, 100 a Palermo), un convegno dal titolo “Scienza, arte e cultura nella Sicilia arabo normanna“.

Saranno presenti relatori provenienti dalle università di Madrid, Palermo, Messina e Catania.

Il tema verrà affrontato in maniera particolare trattando anche argomenti poco usuali, come le tecnologie dell’epoca, le strade di collegamento, l’autonomia e il paesaggio, oltre che le tecniche costruttive, la vita e l’organizzazione della società di quel periodo, ma anche la cultura gastronomica del tempo.

La partecipazione al convegno fornirà (previa iscrizione sul sito IM@TERIA) 7 +3 crediti formativi per gli architetti.

L’evento è inserito in Palermo Capitale della cultura 2018 e nell’anno europeo del patrimonio culturale 2018.

L’Officina di Studi Medievali, ente culturale impegnato da più di quarant’anni in vari ambiti della medievistica e, in senso cronologicamente più esteso, della storia siciliana, ha promosso questa iniziativa su proposta di uno dei suoi membri, Francesco Paolo Tocco, professore associato di Storia Medievale presso l’Università di Messina che ha avviato rapporti di collaborazione con vari docenti di Storia dell’arte dell’Università complutense di Madrid.

Il convegno, avvalendosi dell’apporto degli storici dell’arte iberici (Maribel Fierro, Noelia Silva Santa-Cruz, Juan Carlos Ruiz Sousa, Susana Calvo Capillo e Azucena Hernandez-Perez), nonché di numerosi accademici italiani, studiosi di Storia Medievale, di Archeologia, di Storia dell’arte Medievale, di Storia della filosofia e della letteratura medievali, di Arabistica, intende mettere in luce quegli aspetti della cultura materiale che molto spesso, nonostante l’avanzamento della ricerca in materia, restano in ombra, occultati da una tradizione di storia politica che in Italia ha dato molti frutti ma che, al tempo stesso, ha limitato o comunque condizionato ambiti di approfondimento in direzioni diverse da quelle legate alle dinamiche dei regni e della feudalità.

Il convegno, pertanto, si propone di restituire un’immagine quanto più possibile qualificata ed aggiornata dell’universo umano della Sicilia arabo-normanna, nelle sue molteplici sfaccettature, e nel rispetto delle specificità culturali del tempo, nel tentativo di fornire ulteriori apporti allo studio di un’età di indubbio splendore non solo politico, ma anche e forse soprattutto, socio-culturale dell’isola, le cui tracce, talvolta solo frutto di reminescenze culturali, ma non di rado ancora presenti nella cultura isolana che rendono ancora oggi la Sicilia un unicum nel panorama delle società mediterranee, fortemente attraente non solo per studiosi delle più diverse nazionalità ma anche a un pubblico molto più vasto.

PROGRAMMA E RELATORI

Screenshot_20181106-233645_FacebookVenerdì 9 novembre

9.00 Saluti delle Autorità
9.30 Saluti del Presidente dell’Officina di Studi Medievali, Diego Ciccarelli
9.45 Lettura di un brano del Libro di Ruggero di Idrisi
10.00 – 10.30 Giuseppe Barbera (Università di Palermo), Agronomia e paesaggio nella Sicilia normanna
10.30 – 11.00 Giuseppe Amoroso (Università di Palermo), La viabilità in Sicilia sotto la dominazione arabo-normanna
11.00 – 11.15 Pausa
11.15 – 11.45 Marco Nobile (Università di Palermo), Costruire in pietra nel XII secolo: cupole, volte e archi in Sicilia
11.45 – 12.15 Juan Carlos Ruiz Sousa (Universidad Complutense, Madrid), La Zisa, las cúpulas de mocárabes y los espacios de virtud del príncipe
12.15 – 13.15 Discussione
15.00 – 15.30 Azucena Hernandez-Perez (Universidad Complutense, Madrid), Astrolabios en al-Andalus y el Mediterráneo en tiempos de Roger II de Sicilia
15.30 – 16.00 Maribel Fierro (CSIC, Madrid), El camello en el manto de Roger II
16.00 – 16.15 Pausa
16.15 – 16.45 Noelia Silva Santa-Cruz (Universidad Complutense, Madrid), Los marfiles de la Sicilia normanda en el contexto de la eboraria islámica medieval
17.15 – 17.45 Laura Rodríguez Peinado (Universidad Complutense, Madrid), El arte de la seda en Sicilia: origen y relación con la producción andalusí
17.45 – 18.30 Discussione

Sabato 10 novembre

9.00 – 9.30 Susana Calvo Capillo (Universidad Complutense, Madrid), Las “Casas del Saber” y los príncipes eruditos en el Mediterráneo: de al-Hakam II a Roger II

9.30 – 10.00 Giuseppe Mandalà (CSIC, Madrid – Università Statale, Milano), Intellettuali islamici alla corte dei re di Sicilia

10.00 – 10.30 Patrizia Spallino (Università di Palermo), Testi arabi di Sicilia. Un esempio di disputa linguistica
10.30 – 11.00 Gigi Mangia (Palermo), Culture alimentari nella Sicilia arabo-normanna
11.00 – 11.15 Pausa
11.15 – 11.45 Armando Bisanti (Università di Palermo), La Sicilia nei “Gesta Roberti Wiscardi” di Guglielmo il Pugliese, fra tradizione epica classica e visione storiografica medievale
11.45 – 12.15 Carmelina Urso (Università di Catania), Pietro di Blois e la cultura nella Sicilia normanna
12.15 – 12.45 Francesco Paolo Tocco (Università di Messina), La Sicilia arabo-normanna: rappresentazioni di una società
12.45 – 13.45 Discussione

Moderatori: Luisa La Colla, Armando Bisanti, Maribel Fierro

Facebook: INCONTEMPORANEA

Riguardo dario.matranga

dario.matranga
Dario Matranga, classe '65 palermitano, è il direttore responsabile del giornale IoStudio fondato 2005 . Giornalista professionista, è anche capo Ufficio Stampa dell'Ersu da maggio 2000. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e radiofoniche e ha lavorato in uffici stampa nazionali e internazionali per organizzazioni giovanili e sindacali. E' impegnato anche nel mondo dell'associazionismo sindacale. La mail a cui potete scrivergli è ufficiostampa@ersupalermo.gov.it oppure dario.matranga65@gmail.com

Check Also

cancro seno-2

Bra Day 2018. Oggi allo IEMEST incontro scientifico su tecniche innovative e di prevenzione e ricostruzione nell’ambito del carcinoma della mammella.

In occasione del Bra Day 2018 (giornata internazionale per la consapevolezza sulla ricostruzione mammaria), presso l'Istituto di Ricerca IEMEST (via Michele Miraglia 20, Palermo), si è svolto il confronto scientifico sul tema “Tumore alla mammella: dalla prevenzione alla ricostruzione".

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *