Home / #scoprisicilia / Giornate Fai di primavera: un weekend alla scoperta dei tesori della Sicilia

Giornate Fai di primavera: un weekend alla scoperta dei tesori della Sicilia

Il weekend tra il 24 e il 25 Marzo vedrà l’apertura straordinaria di mille luoghi culturali in tutt’Italia. Si tratta della 26esima edizione delle Giornate FAI di Primavera, un evento che coinvolge oltre 400 città del bel paese. Un’occasione per scoprire il nostro territorio e i monumenti solitamente chiusi al pubblico. Il Fondo Ambiente Italiano (FAI) è una fondazione nazionale no profit che organizza queste aperture straordinarie per tutelare il nostro patrimonio culturale e artistico.

A Palermo saranno visitabili il palazzo Comitini, il palazzo d’Orleans, il palazzo dei Normanni, il Parlamento Siciliano e il palazzo delle Aquile e  villa Filangeri di Santa Flavia, a Bagheria villa Galletti San Cataldo e Villa Naselli Aragona Cutò, il castello di Caccamo, e molte altre chiese a Carini, Castelbuono e Corleone.

tratto da turismo.comune.palermo.it
tratto da turismo.comune.palermo.it

A Catania saranno aperti il convitto nazionale “Mario Cutelli”, il chiostro e convento di Santa Caterina da Siena, chiesa di S. Michele Arcangelo, Cinema Odeon, il convento e la chiesa di San Placido, il chiostro e il palazzo dei Minoriti, Porta Garibaldi, l’Istituto d’ incremento ippico per la Sicilia. Inoltre, saranno previsti molti altri itinerari che coinvolgeranno tutta la Sicilia, da Agrigento a Caltanissetta, Enna, Messina, Ragusa, Siracusa e Trapani. Saranno gli studenti di scuole medie e licei che accompagneranno i visitatori facendo da ciceroni. Gli orari di visita saranno dalle 10 alle 17 per entrambi i giorni, con gli ingressi accessibili con un contributo libero. Per avere maggiori informazioni sull’iniziativa è possibile collegarsi al sito e scaricare un pdf con l’elenco dei vari luoghi o telefonare al numero 02.467615366.

Riguardo Alessandra La Marca

Alessandra La Marca

Check Also

https://theconversation.com/prehistoric-wine-discovered-in-inaccessible-caves-forces-a-rethink-of-ancient-sicilian-culture-89116

La scoperta del vino più antico al mondo in Sicilia

A farla uno dei nostri "cervelli in fuga" in Florida.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *