Home / #DopoLaurea / Resto al sud, più possibilità di partecipazione nel nuovo decreto
resto al sud

Resto al sud, più possibilità di partecipazione nel nuovo decreto

Giorno 23 novembre 2019 è stato pubblicato il decreto che apre i finanziamenti di “Resto al Sud” anche agli under 46 e ai professionisti.

L’incentivo Resto al Sud sostiene nuove attività imprenditoriali avviate da persone under 46 nelle regioni del Mezzogiorno.

E’ possibile avviare iniziative imprenditoriali per: la produzione di beni nei settori industria, artigianato, la trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura;  fornitura di servizi alle imprese e alle persone; turismo;  attività professionali.

Sono ammissibili le spese per ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili (max 30%), acquisto di impianti, macchinari, attrezzature e programmi informatici; principali voci di spesa utili all’avvio dell’attività (max 20%).

Il finanziamento copre il 100% delle spese ammissibili e consiste in un contributo a fondo perduto del 35% dell’investimento complessivo e un finanziamento bancario a tasso zero pari al 65% dell’investimento complessivo, garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI.

Per tutta la durata del finanziamento i beneficiari non possono essere titolari di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato o di altra attività d’impresa in esercizio; mentre i liberi professionisti non devono risultare titolari di partita IVA , nei 12 mesi antecedenti alla presentazione della domanda, per attività analoga a quella della domanda stessa.

 

Per la misura Resto al Sud, gestita di Invitalia, sono stati destinati  1,25 miliardi di euro.

REQUISITI

Il bando è rivolto ai soggetti di eta’ compresa tra i 18 ed i 45 anni che presentino i seguenti requisiti:

a) siano residenti nelle regioni Sicilia, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sardegna al momento della presentazione della domanda o vi trasferiscano la residenza entro sessanta giorni dalla comunicazione del positivo esito dell’istruttoria;

b) non risultino gia’ titolari di attivita’ di impresa in esercizio alla data del 21 giugno 2017,o non risultino gia’ beneficiari, nell’ultimo triennio, di ulteriori misure a livello nazionale a favore dell’autoimprenditorialita’.

c)non devono essere titolari di un contratto di lavoro a tempo indeterminato presso un altro soggetto.

Chi rispetta questi parametri potrà presentare domanda di ammissione alle agevolazioni purche’ siano gia’ costituiti, al momento della presentazione della domanda e comunque successivamente alla data del 21 giugno 2017, o si costituiscano, entro sessanta giorni, o entro centoventi giorni in caso di residenza all’estero, dalla data di comunicazione del positivo esito dell’istruttoria sotto forma di impresa individuale o societa’, ivi incluse le societa’ cooperative.

Le società potranno essere costituite anche da soci persone fisiche che non abbiano i requisiti anagrafici a condizione che la presenza di tali soggetti nella compagine societaria non sia superiore ad un terzo, e che gli stessi non abbiano rapporti di parentela fino al quarto grado con alcuno degli altri soggetti richiedenti. Per tali soci però non è prevista alcuna quota di agevolazione.

I soggetti beneficiari della misura devono mantenere la residenza nelle regioni indicate per tutta la durata del finanziamento e le imprese e le societa’ di cui al presente comma devono avere, per tutta la durata del finanziamento, sede legale e operativa in una delle regioni del Mezzogiorno

I soggetti cosi individuati possono presentare istanza di accesso alla misura, corredata da tutta la documentazione relativa al progetto imprenditoriale, attraverso una piattaforma dedicata sul sito istituzionale dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.A. – Invitalia. La stessa Invitalia provvederà anche  alla relativa istruttoria, valutando anche la sostenibilita’ tecnico-economica del progetto, entro sessanta giorni dalla presentazione dell’istanza, ad esclusione dei periodi di tempo necessari alle eventuali integrazioni documentali che possono essere richieste ai proponenti, una sola volta.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese che sono ammesse a finanziamento sono:

  1. opere edili relative a interventi di ristrutturazione e/o manutenzione straordinaria connessa all’attivita’ del soggetto beneficiario nel limite massimo del trenta per cento del programma di spesa;
  2. macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica;
  3. programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della telecomunicazione (TIC) connessi alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa;
  4. spese relative al capitale circolante inerente allo svolgimento dell’attivita’ d’impresa nella misura massima del venti per cento del programma di spesa; sono ammissibili le spese per materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti finiti, utenze e canoni di locazione per immobili, eventuali canoni di leasing, acquisizione di garanzie assicurative funzionali all’attivita’ finanziata.

Non saranno invece ammissibili alle agevolazioni le spese:

  1. relative ai beni acquisiti con il sistema della locazione finanziaria, del leasing e del leaseback, fatta eccezione dei canoni di leasing maturati entro il termine di ultimazione del progetto imprenditoriale
  2.  per l’acquisto di beni di proprieta’ di uno o piu’ soci dell’impresa richiedente le agevolazioni e, nel caso di soci persone fisiche, anche dei relativi coniugi ovvero di parenti o affini dei soci stessi entro il terzo grado;
  3. riferite a investimenti di mera sostituzione di impianti, macchinari e attrezzature;
  4. effettuate mediante il cosiddetto «contratto chiavi in mano»;
  5. relative a commesse interne;
  6. relative a macchinari, impianti e attrezzature usati;
  7. notarili, imposte, tasse;
  8. relative all’acquisto di automezzi, fatta eccezione per quelli strettamente necessari al ciclo di produzione di cui al Programma di spesa o per il trasporto in conservazione condizionata dei prodotti;
  9. di importo unitario inferiore a euro 500,00 (cinquecento/00); j) relative alla progettazione, alle consulenze e all’erogazione degli emolumenti ai dipendenti delle imprese individuali e delle societa’, nonche’ agli organi di gestione e di controllo delle societa’ stesse.

 

Le agevolazioni  previste coprono il 100% delle spese e sono:

  1. 35 per cento come contributo a fondo perduto erogato dal soggetto gestore della misura;
  2. 65 per cento sotto forma di prestito a tasso zero, concesso da istituti di credito in base alle modalita’ definite dalla convenzione . Il prestito di cui al periodo precedente e’ rimborsato entro otto anni complessivi dalla concessione del finanziamento, di cui i primi due anni di pre-ammortamento, e usufruisce del contributo in conto interessi e della garanzia.

Sono finanziabili le attivita’ imprenditoriali relative a produzione di beni nei settori dell’artigianato e dell’industria, ovvero relativi alla fornitura di servizi, e a partire dal 2019 anche le attività professionali.

Sono escluse dal finanziamento le attivita’ commerciali ad eccezione della vendita dei beni prodotti nell’attivita’ di impresa.  I finanziamenti non possono essere utilizzati per spese relative alla progettazione, alle consulenze e all’erogazione degli emolumenti ai dipendenti delle imprese individuali e delle societa’, nonche’ agli organi di gestione e di controllo delle societa’ stesse. Per leggere il dettaglio delle attività finanziabili clicca qui.

 

BANDO E MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA QUI

Riguardo Redazione

Redazione
Se vuoi collaborare, dando il tuo contributo con articoli, video e fotografie, invia una mail a ufficiostampa@ersupalermo.gov.it indicando nome, cognome, telefono e mail di riferimento e mettendo come oggetto “IoStudioNews”.

Leggi anche

BANNER call for proposal facebook

IEMEST, UN BANDO PER LA RICERCA CHE PREMI IL MERITO

L’Istituto Euro-mediterraneo di scienze e tecnologia (I.E.ME.S.T.) di Palermo pubblica un bando per premiare e …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *