Home / #Mondo / Presentata questa mattina Symposium, la coop giovanile di catering che dà lavoro e fa inclusione.
Immagine del convegno alla scuola Piazza
Immagine del convegno alla scuola Piazza

Presentata questa mattina Symposium, la coop giovanile di catering che dà lavoro e fa inclusione.

Un’impresa cooperativa di catering formata da 15 giovani disoccupati di Palermo tra i 18 e i 28 anni, con una caratteristica molto speciale: un terzo dei soci ha disabilità psichiche. La cooperativa si chiama Symposium come il progetto che l’ha generata e che è stato ideato dall’associazione palermitana Volta La Carta in partenariato con  Kairos A.C.F.P. e La Linea della Palma e finanziato dal Dipartimento della Gioventù e del servizio civile che fa capo alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Un progetto innovativo partito un anno fa con la selezione dei ragazzi e che sposa formazione e creazione di impresa. Chiusa la prima fase del percorso formativo (200 ore) con la creazione di una brigata di cucina e di figure per la gestione amministrativa della cooperativa e per il servizio in sala, si passa adesso al secondo step con l’avviamento vero e proprio dell’impresa. “Per tutti noi è una bellissima scommessa”, dice Miriana Litrico, 22 anni, presidente della cooperativa che nel Consiglio direttivo è affiancata da Ferdinando Tripi, 25 anni e un diploma all’alberghiero, e da Tamas Elena Ramona, romena di 28 anni ospite di una casa famiglia. “Il gruppo in quest’anno ha imparato a lavorare insieme. Per me – aggiunge Ferdinando Tripi – essere parte di una cooperativa che crea lavoro anche per chi ha più difficoltà è motivo di grande orgoglio”. Per Ramona, invece, imparare a cucinare è stato “scoprire un nuovo mondo. E’ una cosa che amo fare e mi impegnerò al massimo perché la cooperativa possa affermarsi”.

I giovani della cooperativa con i piatti preparati
I giovani della cooperativa con i piatti preparati

Il progetto ha ricevuto un finanziamento di 222 mila euro. Fondi utilizzati in parte per la formazione e che serviranno anche ad accompagnare la neo impresa fino alla completa autonomia. Il periodo di incubazione dell’impresa durerà fino a settembre. Poi la cooperativa camminerà sulle sue gambe. “Abbiamo costruito il gruppo di progettazione  circa tre anni fa proprio per rispondere al bando – dice Claudia Cincotta presidente di Volta La Carta, l’associazione capofila del progetto – E’ stato un bel percorso e fin da subito abbiamo individuato nel lavoro lo strumento per superare emarginazione e disagio sociale e costruire concretamente, percorsi di legalità. Symposium nell’antica Grecia era la cena in cui si stava insieme tutta la notte, dalle 6 del pomeriggio alla mattina. Si mangiava e si parlava, tanto è vero che una delle opere di Platone è proprio il Simposio in cui il tema della conversazione è l’eros, l’amore, inteso come solidarietà, attenzione agli altri”. “Siamo riusciti a trasformare un gruppo di ragazzi in un gruppo di lavoro – aggiunge Maria Severino di Kairos, l’associazione che, tra le altre cose, ha curato l’orientamento- Siamo passati dall’assistenzialismo all’accompagnamento. La prossima tappa sarà l’autonomia per questo stiamo già lavorando per realizzare convenzioni con soggetti pubblici e privati”. Per Maria Pia Pensabene de La Linea della Palma, “si tratta di un progetto coraggioso non per chi lo ha scritto o chi lo ha finanziato ma per i ragazzi e le ragazze che hanno accettato questa sfida dimostrando che il lavoro si può creare e che anche gli steccati riguardo a temi come la disabilità mentale possono essere superati”.

Al convegno ha portato i saluti dell’amministrazione comunale l’assessore alle Politiche sociali Agnese Ciulla mentre l’assessore alle Attività produttive Giovanna Marano ha invitato la neo cooperativa a partecipare alla rete  Pa/working creata dal suo assessorato. “Questo – ha detto – vi aiuterà a farvi conoscere e fare rete con altre giovani imprese”. Presente all’incontro anche il professore Gaetano Megna dell’Istituto Piazza che affiancherà la cooperativa per i prossimi cinque catering e che ha guidato i ragazzi: “Dal loro entusiasmo e dalla loro voglia di fare ho ricevuto molto”, dice. “Come scuola siamo partner esterni del progetto – dice il preside dell’Istituto Pietro Piazza Gaspare Marano – Una cosa di cui siamo ben lieti perché Symposium è un’impresa che porta con se i valori della legalità e dell’inclusione”. Partner esterno del progetto anche il Comitato Addiopizzo.

Riguardo Redazione

Redazione
Se vuoi collaborare, dando il tuo contributo con articoli, video e fotografie, invia una mail a ufficiostampa@ersupalermo.gov.it indicando nome, cognome, telefono e mail di riferimento e mettendo come oggetto “IoStudioNews”.

Leggi anche

foto incontro softpower

I giovani italiani ambasciatori della Nation Branding. Concluso il Seminario di Palermo

Il Seminario di Palermo promosso dal Consiglio Generale degli Italiani all’Estero: i giovani italiani ambasciatori del Vivere all’Italiana. La proposta durante l’incontro sul soft power italiano: cos’è e cosa c’entrano i giovani italiani nel mondo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *