Home / #ErsuCultura / “Le orecchie di dentro non si vedono”, il 22 febbraio presso la sala Joe Petrosino
Vincent Van Gogh, autoritratto con orecchio tagliato e pipa, 1889
Vincent Van Gogh, autoritratto con orecchio tagliato e pipa, 1889

“Le orecchie di dentro non si vedono”, il 22 febbraio presso la sala Joe Petrosino

Nell’ambito della manifestazione “Comprensione altra” l’Associazione INCONTEMPORANEA presenta un evento dedicato in particolare agli studenti universitari: “Le orecchie di dentro non si vedono”, laboratorio di ascolto emotivo a cura di Daniela Thomas.

Ascoltare è totalmente diverso dall’udire. Ascoltare signifca sentire senza l’interferenza della mente, dei pensieri. È un ascoltare come se tu fossi totalmente vuoto. Se hai anche il più lieve tremore di un pensiero, dentro di te, se delle onde di pensieri sottili ti circondano, non sarai in grado di ascoltare, anche se il tuo udito funziona. […] Quando tu esisti, puoi solo udire; quando non esisti, puoi ascoltare. (Osho)

Si sente con le orecchie e si ascolta col cuore, e solo quando ci si mette in ascolto col cuore, si attiva una “comprensione altra”: allora si può anche rimanere in silenzio, ma si crea un dialogo, in cui ognuno mette da parte se stesso e lascia che l’altro lo inondi, così com’è. In questo mutuo scambio, accade una relazione, in cui ognuno ha il compito di restituire l’altro a se stesso.

Guidati dal proprio sentire, la scommessa è ascoltarsi l’un l’altro e vedere che cosa accade. Mercoledì 22 febbraio, alle ore 17, presso la residenza universitaria Casa del Goliardo-Hotel de France, vicolo del Sant’Uffizio (traversa piazza Marina) a Palermo con ingresso libero.

L’evento ospitato dal presidente dell’Ersu, Alberto Firenze, è organizzato dal responsabile dell’Associazione INCONTEMPORANEA, Luisa La Colla.

le orecchie dentro non si vedono

Riguardo Redazione

Redazione
Se vuoi collaborare, dando il tuo contributo con articoli, video e fotografie, invia una mail a ufficiostampa@ersupalermo.gov.it indicando nome, cognome, telefono e mail di riferimento e mettendo come oggetto “IoStudioNews”.

Leggi anche

locandina generale

Al via la terza edizione del Mondello Mudd Festival

Il Mondello Mudd Festival, il cui nome deriva dall’etimo arabo di Mondello (unità di misura equivalente a circa 273 mq e 4 lt), è un festival diffuso ed interdisciplinare, realizzato in sinergia con istituzioni, realtà culturali, associazioni e aziende private, che vede quest’anno, come terza edizione, dal 9 al 16 giugno anche la collaborazione speciale dell’Accademia di Belle Arti di Palermo. Si tratta di un progetto partecipato, con un forte coinvolgimento del territorio, capace di attrarre nuovi stimoli esterni. Gli eventi del festival (simposi, performance, esposizioni artistiche) vengono portati nei luoghi più suggestivi che raccontano la cittadina di Mondello. Il festival vuole dare un contributo concreto allo sviluppo della borgata marinara, che ha in sé le qualità e le potenzialità per diventare un nuovo polo attrattore di flussi di turismo culturale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *