Home / #ErsuNews / Un Housing University Commission del presidente della Regione per avere più residenze universitarie in Sicilia. La proposta del presidente di Ersu Palermo, Michele D’Amico
Michele D'amico presidente ERSU Palermo

Un Housing University Commission del presidente della Regione per avere più residenze universitarie in Sicilia. La proposta del presidente di Ersu Palermo, Michele D’Amico

“Il presidente della Regione, Renato Schifani, sul tema della residenzialità universitaria e il bisogno di creare nuovi posti letto in Sicilia ha colto pienamente nel segno, rivolgendo la sua attenzione politica all’assoluta necessità per la Sicilia di creare nuovi posti letto per gli studenti universitari, delle accademie di belle arti e dei conservatori di musica. Attraverso questo sforzo del governo regionale si potrà restituire maggiore competitività al sistema formativo siciliano, facendo superare l’attuale gap con il resto d’Italia e d’Europa e offrendo alla platea di tutti gli studenti di livello universitario nell’Isola una quantità e uno standard dei servizi abitativi in linea con il bisogno di un sistema moderno ed efficiente.

 

Proprio condividendo questa linea di indirizzo già oggi, a una settimana dal mio insediamento come presidente di Ersu Palermo, ho già incontrato il magnifico rettore dell’Università degli Studi di Palermo e che stiamo lavorando per avviare un percorso per rendere concreto l’immediato avvio di una collaborazione per la progettazione di nuovi spazi abitativi da mettere al servizio dell’utenza di livello universitario che possano cogliere l’opportunità dei fondi del PNRR e dei fondi strutturali europei previsti per il diritto allo studio dal governo regionale.

 

A tal fine, faccio appello al presidente della Regione e all’assessore regionale dell’Istruzione, Girolamo Turano, affinché venga istituita una Conferenza di servizio permanente sulla residenzialità universitaria, una sorta di Housing University Commission, per appianare e risolvere tutte le criticità sino a oggi registrate e che coinvolga, quindi, tutti gli attori che compartecipano e hanno un ruolo nel sistema Regione e Città universitarie: Regione, amministrazioni comunali, Ersu, università, accademie di belle arti e conservatori di musica. Il sistema della residenzialità universitaria in Sicilia ha bisogno di un rilancio che possa determinare un forte cambiamento in termini quantitativi e qualitativi dell’offerta.”

 

Questa la dichiarazione del neo-presidente di Ersu Palermo, Michele D’Amico, in seguito all’incontro di ieri tra il presidente della Regione, Renato Schifani, e i quattro rettori delle università siciliane Salvatore Cuzzocrea (Messina e presidente Crui), Massimo Midiri (Palermo), Francesco Priolo (Catania) e Giovanni Puglisi (Kore di Enna), cui erano presenti anche il vicepresidente della Regione Luca Sammartino e gli assessori alla Salute, Giovanna Volo, e allIstruzione, Girolamo Turano. 

 

Al termine dellincontro di ieri il presidente Schifani aveva sottolineato come il governo regionale intenda trovare soluzioni alle problematiche del mondo universitario pensando di coinvolgere le Università siciliane per consulenze professionali, in particolare nellambito della progettazione. Il governatore aveva anche posto l’accento sulla volontà di garantire il diritto allo studio, a partire dalla creazione di nuovi posti letto, rafforzando il collegamento tra la formazione universitaria e il mondo del lavoro ponendo così un freno allesodo verso gli atenei fuori dalla Sicilia.

Riguardo Massimiliano Purpura

Massimiliano Purpura
Esperto in giornalismo multimediale, che si occupa – fra l’altro – soprattutto della gestione del sito web dell'Ersu in relazione all’attività di webmaster e web designer e della gestione dei social network.

Leggi anche

CSAIA il Logo

INTELLIGENZA ARTIFICIALE: IL RETTORE DI UNIPA MASSIMO MIDIRI NOMINATO PRESIDENTE DEL COMITATO SCIENTIFICO NAZIONALE CSAIA

Il ruolo di presidente del Comitato scientifico a Massimo Midiri, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *