Home / #ErsuCultura / Debussy “si fa in quattro”con le suggestioni musicali di Raphael Thiollier
Raphael Thiollier

Debussy “si fa in quattro”con le suggestioni musicali di Raphael Thiollier

Lunedì 26 dicembre alle 17.15, al Politeama Garibaldi, il pianista francese Raphael Thiollier porterà sulla scena “I quattro temperamenti di Debussy”, un appuntamento dell’Associazione Siciliana Amici della Musica.

Quattro momenti che rappresentano altrettante tappe della musica di colui che fu definito tra i massimi esponenti dell’impressionismo musicale, nonché uno dei più importanti compositori francesi: c’è il Debussy “russo”, quello “notturno”, quello “esotico” ed infine quello “acquatico”.

Ogni momento viene scandito grazie alle infinite e caleidoscopiche suggestioni evocate dai virtuosismi di Thiollier, quasi fossero immagini dipinte su una tela.

“Una sintesi delle innumerevoli visioni di Debussy in un recital implica una scelta e, nell’imbarazzo della scelta, ogni pezzo deve essere rappresentativo ed esemplare – afferma Thiollier -. Colui che si rifiutava di essere descritto come “impressionista” aveva invece una infinità di sfumature nella sua espressione musicale. In questo caso, l’approccio con lo strumento “piano” è fisicamente vicino all’atteggiamento di Chopin, accarezzando piuttosto che attaccando la tastiera. Come il trompe l’oeil, Debussy era un maestro di “trompe-oreille” dando la stessa importanza alla risonanza (“lasciar vibrare”) tanto alla fine del suono quanto all’inizio. Ogni pianista che ha percorso l’opera di Debussy realizza il suo utilizzo “ergonomico” del pianoforte, ad esempio, partendo spesso con una nota centrale dei tasti neri. Ne risulta un atteggiamento che porta le mani verso il corpo, una postura inversa a quella del “virtuoso” del 19 ° secolo, Liszt . Il risultato è una gamma di suoni e toni ineguagliabili e fino a quel momento inesistenti”.

Thiollier, ex enfant prodige, si è esibito nel suo primo concerto a New York a soli 5 anni. Ha proseguito gli studi musicali in Francia sotto la guida di Robert Casadesus. Successivamente si è perfezionato negli Stati Uniti con Sascha Gorodnitzki alla Juilliard School of Music. Thiollier ha vinto 8 «Grands prix», risultato senza precedenti, in concorsi internazionali fra cui “Reine Elisabeth” del Belgio e “Tchaikowski” di Mosca.

Il suo vastissimo repertorio, l’eccezionale cultura musicale e la padronanza della tastiera sono la chiave del suo successo internazionale. Thiollier suona oggi in più di 40 paesi con le più prestigiose orchestre (Filarmonica di Leningrado e Mosca, Concertgebouw di Amsterdam, Residentie Orkest dell’Aja, Orchestra della Rai di Torino, Santa Cecilia, Orchestre de Paris, Orchestre National de France, London Symphony Orchestra), e nelle sale più importanti (Théatre des Champs Elysées, Berliner Philharmonie e Konzerthaus, Bunka Kaikan e Suntory Hall Tokyo, Palais des Beaux Arts di Bruxelles, Auditorium di Madrid, La Scala, la Fenice, la Sydney Opera House Concert Hall).

Concerto realizzato in collaborazione con Institut Français Palermo.

Riguardo dario.matranga

dario.matranga
Dario Matranga, classe '65 palermitano, è il direttore responsabile del giornale IoStudio fondato 2005 . Giornalista professionista, è anche capo Ufficio Stampa dell'Ersu da maggio 2000. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e radiofoniche e ha lavorato in uffici stampa nazionali e internazionali per organizzazioni giovanili e sindacali. E' impegnato anche nel mondo dell'associazionismo sindacale. La mail a cui potete scrivergli è ufficiostampa@ersupalermo.gov.it oppure dario.matranga65@gmail.com

Check Also

La tempesta_Carpentieri_Andò

Magia e illusioni al Teatro Biondo con La tempesta di Shakespeare

Da giorno 7 al 16 dicembre il Teatro Biondo di Palermo mette in scena La tempesta, l'ultimo grande capolavoro di William Shakespeare in un'interpretazione e rilettura di Roberto Andò.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *