Home / #ErsuCultura / Il musicista Mario Bajardi presenta il suo ultimo album “Schengen” all’Auditoriom RAI
foto-mario-bajardi-2

Il musicista Mario Bajardi presenta il suo ultimo album “Schengen” all’Auditoriom RAI

Grande attesa per la performance del musicista-compositore siciliano Mario Bajardi che, a due anni di distanza da “Inverse Ep”, presenta il suo ultimo lavoro “Schengen“. Il nuovo album di BJM violinista, sound designer e compositore, potrà infatti essere ascoltato live domenica 20 novembre alle ore 18.00 all’Auditorium della Rai, viale Strasburgo n.19, ad ingresso gratuito sino ad esaurimento posti.

Undici tracce musicali nelle quali l’esperienza elettroacustica ormai consolidata si affianca a temi e melodie più narrativi e descrittivi, a testimoniare un percorso artistico e produttivo in continua evoluzione. Bajardi racconta per immagini attraverso il suono, in tessiture armoniche ora monolitiche ora dense, e il risultato finale è un’opera dal respiro nordeuropeo che, pur partendo dagli spunti di riflessione sulle malizie “manipolatorie” del contratto Schengen, allarga il suo orizzonte fino ad abbracciare tematiche più vaste.

foto-mario-bajardiPiù ancora che il concetto del viaggio, cui alludono sia il titolo sia l’immagine di copertina di Nicolò Balsano, attraverso queste musiche BJM intende esprimere l’idea di una rinascita necessaria e resa possibile dalle nuove generazioni. «Credo che ci sia bisogno di una maggiore sensibilizzazione all’ascolto curioso – dichiara Bajardi – e in tal senso i giovani di oggi danno segnali che lasciano ben sperare, perché non hanno paura di sperimentare con ciò che è nuovo e diverso, anzi ne sono stimolati. Luci spente e cuffie, così mi piacerebbe che venisse ascoltato questo disco, per assaporare al meglio il racconto che si sviluppa al suo interno».

Per l’occasione, l’artista sarà accompagnato da Sanfj Alessandro Sanfilippo, al pianoforte ed elettronica. Sanfj è un pianista compositore che attraverso un processo di sperimentazione, con una formazione classica, approda alle sonorità elettroniche. La composizione dei brani è realizzata con un pianoforte acustico suonato e registrato, motivo dominante nella maggior parte dei brani. Lo scenario che si propone è un mix di elettronica, ambient e classic contemporary.

Ad arricchire l’atmosfera sonora, ci sarà infine un Live painting. Durante la presentazione di Schengen, infatti l’artista Fulvio Di Piazza dipingerà dal vivo, seguendo il fluire delle vibrazioni musicali. Sarà l’inizio di una sua opera visionaria, la cui realizzazione si concluderà nei prossimi mesi e che sarà presentata a Gennaio 2017 a New York, nella galleria di Jonathan Levine con cui l’artista collabora. Il nuovo ciclo di opere della mostra è intitolata “ENTANGLED”.

foto-bajardi3Nell’album sono inclusi inoltre alcuni brani composti negli ultimi anni per opere audiovisive e teatrali: fra questi “Insemina”, additional music per il cortometraggio “Sweetheart” diretto da Miguel Angelo Pate (già aiuto regista in “Bastardi senza gloria” di Quentin Tarantino e “Unknown – Senza identità” con Liam Neeson e Diane Kruger), insieme ai tre atti o momenti di “Officium” creati per l’omonimo documentario di Giuseppe Carleo, in cui si può apprezzare anche il coro del Liceo Musicale Regina Margherita di Palermo.

Il disco è ulteriormente impreziosito dal contributo sonoro che arriva dal recente progetto “BlendInstrument Motion Textures“, prodotto da BJM per la software/music library company 8DIO di San Francisco, arricchendo la palette timbrica ed espressiva nella composizione. L’album “Schengen” di BJM Mario Bajardi, edito da Iter-Research e co-prodotto da Francesco Barraco, può essere acquistato tramite il sito https://bjmmariobajardi.bandcamp.com/ e sarà presto disponibile anche su https://soundcloud.com/onde-ec.

Il trailer è già on line su www.youtube.com/watch?v=-hxqL-vI_fE

Riguardo Redazione

Redazione
Se vuoi collaborare, dando il tuo contributo con articoli, video e fotografie, invia una mail a ufficiostampa@ersupalermo.gov.it indicando nome, cognome, telefono e mail di riferimento e mettendo come oggetto “IoStudioNews”.

Leggi anche

primavera shima

La pianista Primavera Shima per l’ultimo concerto della stagione di Palermo Classica

Per la rassegna invernale “Passione e Impeto” di Palermo Classica, domenica 7 aprile alle ore 19.15 si terrà il concerto della pianista Primavera Shima, acclamata pianista australiana di fama internazionale, che chiuderà la stagione. Interprete di raffinata tecnica, virtuosismo e riflessione, eseguirà un programma dedicato a P.I. Tchaikovsky, S. Rachmaninov e F. Liszt/Wagner. La rassegna“Passione e Impeto” , in programma dal 16 dicembre al 7 aprile 2019, si svolge all’interno dell’Auditorium San Mattia dei Crociferi, in via Torremuzza 29 alla Kalsa. La chiesa, con l’annesso convento, fu edificata nel 1686 da Giacomo Amato, per i Padri Crociferi, ed è disposta su un lotto stretto e lungo. Il prospetto sulla via Torremuzza unisce al rigore tardo-rinascimentale il vigore plastico delle membrature in pietra; sopra il portale principale è un medaglione con l’immagine in stucco di S. Mattia. Presenta una forma particolarmente rara: ha pianta ottagonale coperta da grande cupola. L’edificio conventuale e la chiesa, dal 1886 sono passati di proprietà al Comune e sono stati adibiti ad uffici, oltre ad ospitare mostre ed eventi culturali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *