Home / #Ambiente / Unime, il team messinese progetta il vaso che cura la pianta in autonomia
tratto da Normanno.com
tratto da Normanno.com

Unime, il team messinese progetta il vaso che cura la pianta in autonomia

“Il vaso che fa da Self” è lo slogan scelto da quattro studenti messinesi per il loro progetto Selfpot, un vaso tecnologico collegato ad un’app che capisce le esigenze della pianta. Le università di Palermo, Messina, Reggio Calabria e Cosenza si sono incontrate a Catania per l’evento ST Open Days presso la sede di ST Microelectronics.

tratto da unime.it
tratto da unime.it

Il compito dei vari team era quello di realizzare un’idea che avesse come componente principale il microcontrollore STM32 offrendo agli studenti iscritti ai corsi di Laurea in Ingegneria Elettronica ed Informatica, un’esperienza di progettazione e programmazione di sistemi embedded. I giovani dell’ Unime, Giancarlo De Luca, Luca Fodale, Roberto Laganà, Marco Manfrè e Giorgio Nocera guidati dal prof. Dario Bruneo, docente di calcolatori elettronici, si sono aggiudicati il premio “Team più efficace”. Una soluzione tecnologica per prendersi cura delle piante rivelando il loro stato di salute, mediante l’utilizzo di sensori. L’applicazione, infatti, permette di gestire i profili della piante ed ottenere i loro valori ideali per poterle coltivare, avendo continui aggiornamenti sulla loro vita nello smartphone. Un’idea innovativa e semplice che permette anche ai non appassionati di giardinaggio, di avere piante sempre verdi.

Riguardo Alessandra La Marca

Alessandra La Marca

Check Also

sansaverio

Riqualificazione. Finanziato un progetto per l’Albergheria

Ballarò si conferma cuore pulsante e luogo di stimoli per l'intera città di Palermo. La collaborazione fra IACP, Comune e l’Assemblea pubblica SOS Ballarò porta un risultato straordinario, con il mercato che può ambire a recuperare e rafforzare il proprio ruolo per il piccolo commerci, ma soprattutto può divenire un nuovo polo di attrazione per palermitani e turisti, con un recupero filologico dell'area.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *