Home / #ErsuCultura / Torna SMODA. Appuntamento sabato 14 settembre al Palazzo delle Poste a Palermo
SMOda 2017.1

Torna SMODA. Appuntamento sabato 14 settembre al Palazzo delle Poste a Palermo

Stanno per arrivare gli Alieni, manca poco… A 50 anni dal primo piede sulla Luna ora tocca agli extratterresti posare il primo piede sulla Terra.

Verrano in pace o saranno ostili? Li faremo atterrare o li rimanderemo nello spazio? Come li accoglieremo?

Intanto 15 stilisti dell’Accademia d’Arte di Palermo e non solo, sono pronti per vestirli. Abiti chic, causual o insoliti, come saranno gli outfit alieni?

L’appuntamento è per sabato 14 settembre 2019, alle ore 20,30 per la quarta edizione di SMODA: il contest di moda underground di Palermo che coniuga teatro, musica e danza torna con nuove sorprese. 

La performance di moda alternativa torna dopo il successo delle scorse edizioni, sulla scalinata delle Poste di via Roma a Palermo per una notte dedicata alla moda sociale e alternativa.

SMOda 2017.1Anche quest’anno gli stilisti si sfideranno presentando la loro capsule collection, tre uscite in passerella, e un unico diktat: materiali di riuso e riciclo.

La sfilata sarà arricchiata da performance teatrali e musicali, la regista Claudia Puglisi, il rapper Dirt O’Mlley e gli Shamless con le loro coreografie, presentati dalla giornalista Sefy Aiello e la speacker radiofonica Sara Priolo, domineranno via Roma insieme alle collezioni, perché il messaggio di SMODA vuole diventare universale e abbracciare ogni tipo di arte: accogliere il diverso per arricchiarsi, dagli extracomunitari agli extraterresti, questo il tema su cui vuole puntare Skip, direttore artistico di SMODA: Dobbiamo abituarci al futuro, alle contaminazione, se monriusciamo ad accogliere oltre ai nostri confini terreni saremo mai pronti all’arrivo degli alieni? – Spiega – bisogna scongiurare un’atra guerra dei mondi e capire che il diverso arricchisce senza averne paure”.SMOda 2019

Ad organizzare SMODA sono SKIP LA COMUNE e PUNTA COMUNE, con il patrocinio del Comune di Palermo e il contributo di Siform Consulting Srl, Fillea CGIL, Ristorante Balata, Porcelli Rappresentanze, Forst, Caffetteria Rizzuto e Luppolo.

Riguardo dario.matranga

dario.matranga
Dario Matranga, classe '65 palermitano, è il direttore responsabile del giornale IoStudio fondato 2005 . Giornalista professionista, è anche capo Ufficio Stampa dell'Ersu da maggio 2000. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e radiofoniche e ha lavorato in uffici stampa nazionali e internazionali per organizzazioni giovanili e sindacali. E' impegnato anche nel mondo dell'associazionismo sindacale. La mail a cui potete scrivergli è ufficiostampa@ersupalermo.gov.it oppure dario.matranga65@gmail.com

Leggi anche

Falstaff Ronconi ©Carlo Cofano Teatro Petruzzelli DSC_3267

Il ritorno di Falstaff al Teatro Massimo, dopo oltre mezzo secolo

Falstaff di Giuseppe Verdi torna ancora una volta al Teatro Massimo, venerdì 21 febbraio alle ore 20:00. Nel 1897 il Teatro Massimo era stato inaugurato proprio con il Falstaff; la sua ultima presenza in stagione risale a 23 anni, nel 1997, per il centenario dell’inaugurazione (ma al Politeama Garibaldi): al Teatro Massimo Falstaff è assente da oltre cinquant’anni. La prima di Falstaff sarà in coincidenza esatta con il quinto anniversario della morte di Luca Ronconi. In scena andrà infatti, in omaggio al grande regista, la sua terza versione di Falstaff, realizzata nel 2013 per il Teatro Petruzzelli di Bari in coproduzione con il Maggio Musicale Fiorentino e il San Carlo di Napoli, ora ripresa a Palermo dalla regista Marina Bianchi. In scena, con le scene di Tiziano Santi, i costumi di Tiziano Musetti e le luci di A. J. Weissbard, Ronconi ha creato un mondo intimo, dove le tante macchine presenti in scena – carri, tricicli, carrelli – rispondono alle complessità delle macchinazioni escogitate dai personaggi, in un mondo in perpetuo movimento. Uno spettacolo che Luca Ronconi definì “lineare e senza stupidaggini, senza finte trovate, leggibile da ogni persona di buon senso”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *