Home / #ErsuCultura / Festa delle donne, si celebra con lo spettacolo TADDRARITE a Castelvetrano
Taddrarite manifesto 8 marzo 2017

Festa delle donne, si celebra con lo spettacolo TADDRARITE a Castelvetrano

Si terrà giorno 8 marzo a Castelvetrano, presso il teatro Selinus, alle ore 20,30 lo spettacolo teatrale “Taddrarite”, vincitore a Roma nel 2014 del premio Fringe Festival, maggior riconoscimento nazionale per il teatro, e scelto a rappresentare l’Italia all’International Fringe Festival nel 2015 tenutosi a New York.

L’evento è promosso dall’associazione Palma Vitae di Castelvetrano, a sostegno delle donne in difficoltà e vittime di violenza e dall’associazione Siciliando di Palermo, con il patrocinio dell’ERSU di Palermo.

Posti liberi fino ad esaurimento. Per prenotazione e informazioni chiamare il numero 347 0114173

Taddrarite significa pipistrello, chi sono i pipistrelli? “I pipistrelli sono tutte quelle persone che vivono al buio, che si nascondono, che hanno paura del giudizio degli altri” afferma la regista Luana Rondinelli. “U scuro cummogghia tutti i cosi” (il buio nasconde tutto) dice con fermezza Franca in scena, da quel buio però la mie “pipistrelle” trovano il coraggio di riiniziare, di cercare uno spiraglio, perché non si può essere succubi di quella paura che ci spinge a vivere nascosti. Sempre Franca alla fine dello spettacolo dice “a nasciri n’avutra vota c’è sempi tempo” (a nascere un’altra volta c’è ancora tempo) bisogna solo trovare il coraggio”.

Questo è il messaggio che l’associazione Palma Vitae vuol trasmettere, attraverso questa serata, ed è anche il motivo per cui da Castelvetrano sta organizzando tutta una serie di eventi in giro per la Sicilia, per promuovere segnali di forza, coraggio, determinazione a quelle donne che non ce la fanno più a subire ma che vogliono cominciare a vivere in piena libertà, secondo quel valore che l’associazione sta portando avanti, il valore della “Bellezza dell’essere donne”.

L’associazione si occupa sul territorio di dare sostegno psicosociale e accoglienza alle donne in difficoltà e vittime di violenza e organizza eventi culturali per promuovere una nuova cultura del femminile, improntata al rinforzo della propria diversità come risorsa e strumento di cambiamento.

Taddrarite manifesto 8 marzo 2017

Riguardo Redazione

Redazione
Se vuoi collaborare, dando il tuo contributo con articoli, video e fotografie, invia una mail a ufficiostampa@ersupalermo.gov.it indicando nome, cognome, telefono e mail di riferimento e mettendo come oggetto “IoStudioNews”.

Leggi anche

©Franco Lannino IMG_1879

Grande successo per il Parsifal al Teatro Massimo

La stagione 2020 del teatro Massimo ha avuto inizio con uno straordinario successo. Il 26 gennaio alle ore 17:30 Parsifal , di Richard Wagner, ha debuttato con 15 minuti di applausi al termine dello spettacolo. A dirigere l’opera il nuovo direttore musicale del Teatro Massimo, l’israeliano Omer Meir Wellber. La regia è invece di Graham Vick, che torna a Palermo dopo un altro progetto wagneriano, la Tetralogia realizzata esclusivamente per il Teatro Massimo tra il 2013 e il 2016. Le scene sono di Timothy O’Brien, i costumi di Mauro Tinti, movimenti coreografici di Ron Howell, luci di Giuseppe Di Iorio per un allestimento realizzato in coproduzione con il Teatro Comunale di Bologna. Nel ruolo del protagonista Parsifal ha avuto grande successo, sostituendo Daniel Kirch indisposto, il giovane tenore Julian Hubbard, che ha debuttato in questa occasione nel ruolo di Parsifal. Amfortas è interpretato da Tómas Tómasson, Titurel da Alexei Tanovitski. Debutto in scena a Palermo, dopo la Nona Sinfonia di Beethoven a inizio gennaio, e nel ruolo di Gurnemanz anche per John Relyea, che si è fatto conoscere dal pubblico italiano con Billy Budd a Roma, mentre il basso Thomas Gazheli (Klingsor) ritorna al Teatro Massimo dopo essere stato Wotan nella Tetralogia di Vick. Protagonista femminile è il soprano francese Catherine Hunold nel ruolo di Kundry, apprezzatissima interprete del repertorio wagneriano ma anche degli autori francesi del periodo romantico e di fine Ottocento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *