Home / #ErsuCultura / Concertone dei 100Cellos al Teatro di Verdura. Un appuntamento da non mancare
Screenshot_20180904-181533_Chrome

Concertone dei 100Cellos al Teatro di Verdura. Un appuntamento da non mancare

Domenica 9 settembre alle ore 21 si esibiranno, al Teatro di Verdura di Palermo (Via Del Fante, 70), i 100Cellos: ensemble “aperto” di 100 violoncellisti, talenti, appassionati, dilettanti e giovani provenienti da tutto il mondo, diretti dagli ideatori del progetto Giovanni Sollima, e Enrico Melozzi.

Ospiti della serata il cantautore, beatmaker e rapper palermitano Davide Shorty, il cantautore italo-britannico Sergio Beercock, il violoncellista rock/metal “in mutande” Mr Marcaille, i ballerini e coreografi Lusymay Di Stefano e Alessio Di Stefano e l’attore Salvo Piparo.

In programma musiche di Geminiani, Haendel, Purcell, Bach, Beethoven, Brahms, Prince, Bowie, Shorty, Nirvana, Cohen, Mr Marcaille, Beercock, Wagner, Pink Floyd, Sollima e Melozzi.

Screenshot_20180904-181533_ChromeNei due giorni che precedono il concerto i 100Cellos irromperanno nelle vie del centro cittadino  con flash mob la sera del 7 settembre; registreranno, a porte chiuse, all’interno dell’aula Bunker del carcere dell’Ucciardone, tra la narrazione “muta” degli scatti di Letizia Battaglia e la voce narrante di Attilio Bolzoni, una performance che verrà diffusa in differita dai canali RAI e  la sera dell’8 settembre apriranno le porte di Santa Maria dello Spasimo per un concerto fiume di solisti e piccole ensemble.

Il Concertone della sera del 9 settembre al Teatro di Verdura sarà la travolgente performance finale della “tre giorni” che avrà invaso Palermo.

100Cellos a Palermo è realizzato per l’Associazione Siciliana Amici della Musica e inserito nel cartellone degli eventi di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018. Le iniziative dell’Associazione Siciliana Amici della Musica godono anche del patrocinio dell’Ersu Palermo.

I Biglietti sono acquistabili on line http://www.circuitoboxofficesicilia.it/?idx=904&idPlugin=25130&calling=dettaglio&id=943 e direttamente al botteghino del Teatro di Verdura la sera del concerto.

 

100Cellos

Chi sono i 100Cellos

I 100Cellos sono un ensemble “aperto”, composto da una miriade di violoncellisti: talenti, appassionati, dilettanti e giovani con il tratto comune della passione per la musica e per il violoncello.

Dal 2012, anno della nascita del progetto, centinaia di violoncellisti di volta in volta diversi, e in città diverse, rispondono alla “chiamata” dei due ideatori e guide dell’orchestra. Due artisti di fama internazionale: Giovanni Sollima compositore e virtuoso di grandissimo spessore, e Enrico Melozzi, musicista apprezzato in Italia e all’estero.

L’idea nasce nel 2012 al Teatro Valle Occupato di Roma, con una semplice scheda di registrazione online, e senza alcun manifesto né volantini a pubblicizzarne l’evento: centinaia di violoncellisti arrivano da ogni parte del mondo, e dalle sale del teatro occupato alle strade della capitale, con veri e propri blitz in mezzo alla gente, il passo è breve. Lo scopo: sensibilizzare alla musica e far conoscere a tutti il violoncello, ma soprattutto promuovere la Cultura come Bene Comune.

Nel 2013 al Concertone del 1 maggio a piazza San Giovanni i 100Cellos entusiasmano 800mila spettatori; nel 2014 per la Triennale di Milano partono dalla Stazione centrale e invadono le vie della città, e ancora a Torino per i 25 anni della caduta del Muro di Berlino sono in diretta televisiva nazionale dal Teatro Regio; a Budapest per l’apertura del Semestre Italiano alla Presidenza UE raggiungono oltre 10.000 persone nella Piazza del Duomo della città ed adesioni di dilettanti e appassionati da tutta l’Europa. E poi l’utopia che diventa realtà. Partendo da un tema di classe di un piccolissimo violoncellista di 6 anni che sognava una città fatta a forma di violoncello, Sollima e Melozzi con la complicità di Riccardo Muti, trasformano Ravenna in “Cellolandia”: una settimana di concerti in ogni luogo della città, concludendo con un grande e partecipatissimo concerto dedicato alla danza.

I 100Cellos possono sicuramente definirsi un progetto unico nel suo genere. Qualità musicale e creatività encomiabili, grazie allo spessore di Sollima e Melozzi e alla sempre più nutrita partecipazione dei maggiori virtuosi viventi, hanno reso possibile un autentico processo di acculturazione, portando la musica non solo sui palchi più prestigiosi, ma anche nelle strade, tra la gente comune, rendendola fruibile attraverso la semplicità della condivisione della propria passione.

 

FB: 100 Cellos

www.100cellos.com

 

Riguardo dario.matranga

dario.matranga
Dario Matranga, classe '65 palermitano, è il direttore responsabile del giornale IoStudio fondato 2005 . Giornalista professionista, è anche capo Ufficio Stampa dell'Ersu da maggio 2000. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e radiofoniche e ha lavorato in uffici stampa nazionali e internazionali per organizzazioni giovanili e sindacali. E' impegnato anche nel mondo dell'associazionismo sindacale. La mail a cui potete scrivergli è ufficiostampa@ersupalermo.gov.it oppure dario.matranga65@gmail.com

Leggi anche

locandina generale

Al via la terza edizione del Mondello Mudd Festival

Il Mondello Mudd Festival, il cui nome deriva dall’etimo arabo di Mondello (unità di misura equivalente a circa 273 mq e 4 lt), è un festival diffuso ed interdisciplinare, realizzato in sinergia con istituzioni, realtà culturali, associazioni e aziende private, che vede quest’anno, come terza edizione, dal 9 al 16 giugno anche la collaborazione speciale dell’Accademia di Belle Arti di Palermo. Si tratta di un progetto partecipato, con un forte coinvolgimento del territorio, capace di attrarre nuovi stimoli esterni. Gli eventi del festival (simposi, performance, esposizioni artistiche) vengono portati nei luoghi più suggestivi che raccontano la cittadina di Mondello. Il festival vuole dare un contributo concreto allo sviluppo della borgata marinara, che ha in sé le qualità e le potenzialità per diventare un nuovo polo attrattore di flussi di turismo culturale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *