Home / #Mondo / Accolti dalla musica dei giovani artisti palermitani i delegati del Seminario del CGIE
foto serata santa cecilia 3

Accolti dalla musica dei giovani artisti palermitani i delegati del Seminario del CGIE

Momenti emozionanti quelli vissuti dai giovani delegati provenienti dal tutto il mondo al Real Teatro Santa Cecilia. 

Un forte incontro di aggregazione e di accoglienza avuto grazie alla musica dedicata ai giovani di origine italiana dai giovani palermitani allievi del Conservatorio di Palermo Alessandro Scarlatti e della Scuola Popolare di Musica della Fondazione the Brass Group.  Ad accompagnare gli allievi anche i Maestri della Scuola Popolare di Musica del Brass. 

Presenti tutti i 115 ragazzi che sono stati accolti con le note della musica jazz sul palco dello storico teatro di Palermo. Un incontro culturale e di unione tra tutti questi giovani con un credo comune: essere orgogliosi delle proprie origini e della propria identità culturale per creare rete anche grazie e attraverso la musica.

Un altro momento di grande commozione si è avuto attraverso la proiezione del video dedicato a Padre Pino Puglisi realizzato dal Centro Padre Nostro di Brancaccio. Prerogativa di 3P era proprio quella di dedicarsi ai giovani e di seguirli in un cammino sereno e proficuo lungo il proprio percorso. Il sorriso di Padre Puglisi quale simbolo di serenità e gioia per tutti i giovani protagonisti del proprio futuro. Sul palco oltre ai componenti del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (CGIE), promotore del Seminario di Palermo, Maria Chiara Prodi, presidente della VII commissione “nuove generazioni”, Francesco Bertolino presidente commissione cultura del comune di Palermo, Gaetano Calà consigliere, Silvia Alciati vicepresidente dell VII commissione CGIE, Eleonara Medda membro VII commissione e comitato di presidenza, Letizia Airos Soria, socia fondatrice  e direttrice responsabile del Network Editoriale i-italy.org negli USA, Maurizio Artale responsabile del Centro Padre Nostro ed il presidente della Fondazione the Brass Group Ignazio Garsia.  

La giornata di giovedì 18 aprile è stata dedicata a degli atelier per confrontarsi con esperti sui temi della ricerca, del lavoro, della famiglia e del patrimonio. Nel pomeriggio, all’ARS, sono stati discussi i dati dell’emigrazione italiana nel suo complesso, con Paolo Balduzzi e Delfina Licata e la rappresentanza degli italiani all’estero con Silvana Mangione del Comitato di Presidenza del CGIE. Momento molto atteso dai giovani, il focus sul  “ soft power italiano: cos’è e cosa c’entrano i giovani italiani nel    mondo”, moderato da   Letizia Airos Soria, Socia Fondatrice  e direttrice responsabile del Network   Editoriale i-italy.org negli USA  con Stefano Queirolo Palmas, Direzione Generale Sistema Paese, Ministero    degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale,  Domenico De Maio, Direttore dell’ANG Agenzia Nazionale Giovani e Antonino Laspina, Direttore dell’Ufficio di Coordinamento Marketing –    Agenzia ICE   

Per maggiori informazioni www.seminariodipalermo.it.

Riguardo dario.matranga

dario.matranga
Dario Matranga, classe '65 palermitano, è il direttore responsabile del giornale IoStudio fondato 2005 . Giornalista professionista, è anche capo Ufficio Stampa dell'Ersu da maggio 2000. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e radiofoniche e ha lavorato in uffici stampa nazionali e internazionali per organizzazioni giovanili e sindacali. E' impegnato anche nel mondo dell'associazionismo sindacale. La mail a cui potete scrivergli è ufficiostampa@ersupalermo.gov.it oppure dario.matranga65@gmail.com

Leggi anche

foto presentazione progetto 2

Al via il Programma Speciale per l’Istruzione e la Formazione negli Istituti Penitenziari Minori

Nella Sala Padre Pino Puglisi del Centro di Giustizia è stato presentato, con grande attenzione dei presenti, il “Programma speciale per l’istruzione e la formazione negli Istituti Penitenziari e nei Servizi Minorili della Giustizia”, che prende a cuore il reinserimento nella società dei giovani che scontano una pena, attraverso l’istruzione e la formazione, tenendo conto dei loro contesti sociali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *