Home / #ErsuCultura / “Le parole rubate” di Falcone e Borsellino, lunedì 17 luglio al Real Teatro Santa Cecilia
parole rubate

“Le parole rubate” di Falcone e Borsellino, lunedì 17 luglio al Real Teatro Santa Cecilia

Chi ha rubato il diario di Giovanni Falcone al ministero della Giustizia? Chi ha rubato l’agenda rossa di Paolo Borsellino in via d’Amelio? In occasione del venticinquesimo anniversario della strage Borsellino, torna “Parole rubate”, l’indagine sul palcoscenico scritta da Gery Palazzotto e Salvo Palazzolo. Lunedì 17 luglio, alle ore 21,30 al Real Teatro Santa Cecilia di Palermo.

A cercare le parole rubate di Falcone e Borsellino sarà l’attore Gigi Borruso, accompagnato da Fabio Lannino (chitarra e basso) e da Diego Spitaleri (pianoforte). Sullo sfondo le foto di Franco Lannino. Il costo del biglietto è di 10 euro più diritti di prevendita presso il circuito Tick’s (www.ticksweb.com) sia online che presso i punti vendita autorizzati, o presso il botteghino del Teatro a partire dalle ore 20.00 del 17 luglio.
Cosa c’era nel diario di Giovanni Falcone? Cosa aveva annotato Paolo Borsellino nei 57 giorni che gli restarono da vivere dopo la morte dell’amico di una vita? Le tracce dei ladri di parole si sovrappongono nel corso di una narrazione che, per la prima volta su un palcoscenico, mette a nudo ritardi e misteri delle indagini.
Del diario di Falcone aveva parlato un mese dopo la strage il giudice Giuseppe Ayala: «Una sera, nella sua stanza a Palazzo di giustizia Giovanni mi disse: “Prendi un sorso di whisky, devo terminare una cosa”.
Quando finì di scrivere sul computer portatile mi guardò. “Sto annotando tutto quello che mi sta succedendo per ora in ufficio.
Qualunque cosa dovesse accadere, tu sai che è tutto scritto”.
Ma nei computer di Falcone, risultati manomessi, non è stata trovata traccia di quelle parole.
L’agenda rossa di Borsellino, contenuta nella sua borsa, è scomparsa invece nell’inferno di via d’Amelio.
Inizialmente, la procura di Caltanissetta aveva indagato per il furto, un ufficiale dell’Arma dei carabinieri, fotografato poco dopo l’eccidio mentre ha in mano la borsa, ma la sua posizione è stata poi archiviata.

Riguardo Redazione

Redazione
Se vuoi collaborare, dando il tuo contributo con articoli, video e fotografie, invia una mail a ufficiostampa@ersupalermo.gov.it indicando nome, cognome, telefono e mail di riferimento e mettendo come oggetto “IoStudioNews”.

Leggi anche

edificioersu

Promozione della cultura della trasparenza, dell’etica e della valorizzazione delle differenze, come valore aggiunto alla P.A.. Una giornata di studi all’ERSU

Il Responsabile per la Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza ingegner Ernesto Bruno ha promosso …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *