Home / #IoDicoLaMia / Un amore esemplare: la nuova grafic novel di Daniel Pennac
la-cover-di-un-amore-esemplare-maxw-644

Un amore esemplare: la nuova grafic novel di Daniel Pennac

Un amore esemplare, una storia a fumetti scritta da Daniel Pennac e disegnata dall’autrice francese Florence Cestac, è la prima graphic novel di Feltrinelli Comics, una nuova collana dedicata ai fumetti. la-cover-di-un-amore-esemplare-maxw-644

Pennac racconta la storia di Jean e Germaine, i vicini della casa della nonna in Costa Azzurra, dove il piccolo Daniel passava le vacanze estive. Questa anziana coppia viveva un amore tanto puro quanto raro ed originale. Avevano passato la vita ad amarsi e a leggere libri, nient’altro. Non avevano avuto figli, nessuna vita sociale, nessun lavoro. Si sostenevano vendendo delle prime edizioni dei loro tanti amati libri, frutto dell’eredità di un vecchio zio di Jean.

Il giovane Pennac, incuriosito dalle dicerie che circolavano su questa coppia così particolare, a 8 anni decide di trovare qualche scusa per entrare a casa loro, e resta così affascinato da questi due anziani signori, sino al punto da considerarsi quasi il figlio che non hanno mai avuto.E così decide di raccontare la loro storia attraverso il tratto allegro e giocoso di Florence Cestac, pilastro del fumetto francese.

Un racconto poetico, a tratti ironico, che porta il lettore a riflettere su quale sia il concetto di vero amore, su cosa voglia dire amare una persona e voler trascorrere tutta la vita con lei, che forse la nostra vera vita inizia quando incontriamo la persona amata.pennac amour exemplaire

Da questo fumetto inoltre è stato tratto uno spettacolo teatrale, messo in scena e trasposto dalla regista italo-argentina Clara Bauer.

Il libro è dedicato alle vittime degli attentati del 2015 alla redazione di Charlie Hebdo, avvenuti mentre i due artisti stavano ultimando il loro fumetto. A loro la dedica: “Ai dodici di Charlie, nostri unici apostoli”.

Riguardo Alessandro Pensabene

Alessandro Pensabene
Studente di Ingegneria Meccanica. Appassionato di fumetto e politica.

Check Also

capitale della cultura

Riflessione su 40 metri di Capitale della Cultura che forse non ci meritiamo

Forse questa città bella, profonda, dannata, immanente, altera non ce la meritiamo. Perchè non sappiamo scoprirla dietro le mura, nei vicoli, con le sue storie. Incapacità del lettore, incapacità della lettura o incapacità dell'insegnante?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *