Home / #Ambiente / WWF seleziona giovani per il progetto Fishing forward
www.wwf.at/de/youth-exchange-2016
www.wwf.at/de/youth-exchange-2016

WWF seleziona giovani per il progetto Fishing forward

Il WWF sta realizzando un progetto di mobilità Erasmus + intitolato “Fishing for answers”, della durata di 10 giorni, che avrà luogo in un’isola della Croazia durante la prossima estate 2016, ed è alla ricerca di due giovani volontari italiani dai 15 ai 25 anni che vogliano collaborare alla realizzazione e gestione di uno scambio giovanile riguardo alle tematiche della sostenibilità ambientale, i mercati del pesce globali e i pescatori, la protezione marina, oceani, pesca sostenibile, cittadinanza attiva.

Per far parte del team internazionale di progettazione, bisogna candidarsi entro l’11 dicembre 2015, rispondendo a 5 domande reperibili al seguente link e inoltrarle a Simona Dalla Riva, referente italiana. Sono preferibili i candidati con esperienza in formazione giovanile e workshops, con conoscenza fluente dell’inglese.

Se selezionati nel team di progettazione, la propria collaborazione avrà inizio già dal 16/12/2015 a partire dal quale si parteciperà a un massimo di tre chiamate skype per l’organizzazione dello scambio fino alla consegna della candidatura, la cui scadenza è fissata al 02/02/2016.

Lo scambio, che presumibilmente si svolgerà tra la fine di Agosto 2016 e Settembre 2016, prevederà attività come visite ad acquacolture, ad aree marine protette, passeggiate a contatto diretto con la natura o giri in barca.

Lo scambio sarà proposto per il progetto Fish Forward cofinanziato dall’Unione Europea, per lo sviluppo del consumo consapevole del pesce e dei prodotti ittici per l’incremento dell’economia internazionale.

Riguardo Ylenia Nasti

Ylenia Nasti
Laureata all’Università di Palermo. Amo i libri, i paesaggi e la cucina siciliana

Check Also

petersburg-2805505_960_720

I dati di Greenpeace: il dramma dello smog davanti le scuole

Lo studio è stato effettuato per porre all’attenzione della politica locale, nello specifico dei sindaci delle quattro città esaminate, il problema dei gas di scarico delle autovetture, nella speranza dell’adozione di provvedimenti volti alla riduzione dell’inquinamento per una migliore vivibilità dell’ambiente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *