Home / #IoDicoLaMia / In volo verso Amsterdam
amsterdam
http://blog.zingarate.com/amsterdam/iamsterdam-scritta.html

In volo verso Amsterdam

Da quando il turismo internazionale ha smesso di essere un privilegio solo di pochi, Amsterdam si è rivelata una delle mete preferite tra le capitali europee, in particolar modo dai giovani.

Chi sceglie l’Olanda parte con la consapevolezza di trovare un clima nordico anche nelle belle stagioni e con la certezza di dovere spendere qualcosa in più rispetto agli Stati più a sud del Vecchio continente. Per intenderci, se suscita scandalo che una bottiglia d’acqua da mezzo litro possa arrivare a costare 2,30 euro a Venezia o 1,90 euro a Firenze, preparatevi prima perché tra Amsterdam ed Eindhoven neanche nei distributori automatici troverete lo stesso prodotto a meno di 2,75 euro.

museoMolti tra giovani e giovanissimi partono per provare l’esperienza dei coffee shop, o per avventurarsi nel quartiere a luci rosse. Assolutamente frequente imbattersi in sexy shop e negozi di souvenir che vendono gelati, lecca lecca, torte e biscotti alla cannabis. Molto gettonati tra i negozietti del centro anche i preservativi, tanto che è stato realizzato addirittura un museo del condom.

Sulla creazione di musei, gli abitanti di Amsterdam sono dei veri maestri. Da apprezzare la capacità inventiva, la sponsorizzazione e la presentazione dei prodotti, da cui i siciliani avrebbero molto da imparare. Sono riusciti a convincermi a visitare il museo del tulipano, per poi entrare e scoprire che di tulipani non c’era nemmeno l’ombra se non nei filmati e nelle foto esposte. Una “trappola per turisti” da cui però non si esce scontenti grazie all’accoglienza e alla perfetta organizzazione degli spazi.

Ma Amsterdam è molto altro, è una città libera ma regolata, che accoglie tutti senza discriminazioni, ecologica e civile. La popolazione si sposta con mezzi pubblici e con le bici, con metro e macchine elettriche. Per chi cerca la tranquillità di una vita fuori dal traffico e senza il rumore dei motori che ti sveglia la notte, la capitale dell’Olanda credo sia un posto ideale. Chi è amante della natura, non può sottovalutare la bellezza della fitta vegetazione che si alterna alle abitazioni di questa città, in cui di frequente si trovano animali come conigli circolare in totale libertà.

WP_20160729_007 - Copia - CopiaSe si va in giro con una sola maglietta o con lo chador, se si è in dolce compagnia di un uomo o di una donna, non fa differenza. Non a caso, Amsterdam è stata sede dell’EuroPride 2016, evento molto sponsorizzato. Non nascondo di essermi sentita “paesana” per aver preferito la confezione standard del caffè to go, quando tutta la città andava in giro con i colori dell’arcobaleno. Una libertà sessuale che coinvolge anche la libertà religiosa e politica. Forse è proprio in nome di questa libertà che tanti musulmani presenti in città hanno esposto serenamente e in massa bandiere della Turchia, anche se mi sono chiesta se tutte quelle donne giovanissime interamente avvolte dal velo, eccetto che per il viso, fossero davvero il segno di questa tanta proclamata libertà o se non fossero piuttosto una nota che contraddice un’apparente illusione.

Amsterdam è un posto che sa dare il benvenuto a tutti e che sa intrattenere le diverse generazioni che si incontrano nella centrale piazza Dam. Da lì, si intersecano le varie strade e vicoli che conducono verso le maggiori attrattive, raggiungibili anche a piedi. Non solo quindi Madame Tussauds, Amsterdam Icebar XtraCold o Heineken Experience (da visitare assolutamente), ma anche tanti, tantissimi musei, oltre all’imperdibile crociera sui canali. Grazie all’ I amsterdam city card, potrete usufruire dei mezzi di trasporto cittadini (molto cari se pagati singolarmente), di sconti e dell’ingresso gratuito su molti musei, come per il gettonatissimo Van Gogh Museum, a pochi passi dallo Stedelijk, dal museo del diamante, dalla famosa scritta I Am Amsterdam e dal Rijksmuseum.

IMG_20160816_164924Non molto noto ma altrettanto splendido, il Tropenmuseum, da dove potrete raggiungere Micropia e lo Zoo Reale Artis, in cui gli animali meno pericolosi sono liberi di circolare tra i turisti. Persino i leoni sono separati dalle persone da un corso d’acqua e sono quindi visibili senza alcuna barriera artificiale. Altri luoghi in cui vale la pena andare, sono l‘Hermitage e Portrait Gallery of the Golden Age (siti nello stesso complesso), il quartiere ebraico, il Nemo che è una peculiarità della città firmata Renzo Piano; mentre, se siete appassionati di archeologia, diffidate dall’Allard Pierson Museum. Non compresa nella card ma meta indiscussa dei turisti, è la commuovente visita nell’abitazione in cui si rifugiò Anne Frank con la sua famiglia, da visitare solo nel pomeriggio se non avete acquistato il biglietto on line.

Tuttavia, chi ha deciso di passare appena un week end o il resto della propria vacanza nella sola capitale, ha perso almeno metà delle bellezze che l’Olanda riserva. Due mete imperdibili e raggiungibili a mezzora dalla stazione di Amsterdam, sono il bellissimo paese-museo con i tipici mulini a vento Zaanse Schans, e Muiderslot, un castello medievale che vi farà tornare indietro nel tempo e vi incanterà insieme ai suoi verdi e curati giardini. In questo posto da sogno, si può incontrate una strega, è presente un falconiere che si esibisce con gli uccelli rapaci, si possono indossare gli abiti d’epoca e si può giocare come gli antichi cavalieri e dame.

 

Riguardo Miryam Lo Dato

Miryam Lo Dato
Laureata in Lettere presso l'Università degli Studi di Palermo, specializzata in Filologia Moderna e Italianistica.

Leggi anche

logo unicef

E’ solo un bambino? Trent’anni di Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

Riflessioni in occasione del trentennale della Convenzione ONU sui Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza (1989-2019)

2 comments

  1. Sono un Siciliano che vive ad Amsterdam da sette anni e de appena tornato da una vacanza di 3 settimane in Sicilia. Ho girato in moto la nostra regione da Messina ad Agrigento, passando per i paesi intorno ad Enna ed Caltanisetta senza cadere in nessuna trappola per turisti ma facendo esperienza del sole, cibo, natura e patrimonio artistico e culturale che la Sicilia ci offre spesso ad un prezzo irrisorio è sicuramente più basso di quanto meriterebbe…forse faremmo bene prima ad invitare i Siciliani a conoscere meglio la loro terra ( che spesso non visitano) invece di invogliarli a scomodarsi tanto per finire in carissime trappole per turisti ( e non parlo solo dei musei ma anche dei ristoranti con cibo pessimo, locali con personale scortese etc etc). La Sicilia, con tutti i suoi problemi, rimane sempre Ricca, Bellissima e di sicuro AUTENTICA! Buona Sicilia a tutti.

    • Miryam Lo Dato

      Ciao Antonio, sono perfettamente d’accordo con te su tutto quello che hai detto. La Sicilia offre tante meraviglie sotto ogni aspetto, dal cibo all’arte, ai prezzi. Ovviamente, siccome voglio bene alla mia terra, la vorrei migliore su quei punti in cui ha, purtroppo, alcune carenze. Come hai detto anche tu, si potrebbero valorizzare meglio le risorse che già possiediamo. Ad ogni modo, tengo subito a precisarti che la redazione di IoStudio ha mostrato e riscoperto le bellezze siciliane durante tutta questa estate. Ti invito a leggere la sezione #ScopriSicilia dove troverai senz’altro molto materiale di tuo gradimento. Grazie mille per essere passato dal nostro blog!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *