Home / #Ambiente / Villa Turrisi, nuovo spazio verde a Palermo
Villa turrisi

Villa Turrisi, nuovo spazio verde a Palermo

Per fortuna a Palermo non si costruiscono soltanto edifici, non solo cemento. La città avrà un nuovo polmone verde. E’ notizia di qualche giorno fa, l’intenzione da parte del Comune di voler sfruttare lo spazio verde presente in via Leonardo da Vinci, affinché si possa costruire uno dei parchi cittadini più grandi di Palermo: un’estensione tre volte superiore al parco Uditore e la stessa di parco Cassarà.

 villa turrisi 2Per certi versi questa conquistata è stata davvero inaspettata, visto che come c’è stato raccontato dai rappresentati che si sono occupati del progetto, ‘’la battaglia andava avanti da molti anni, prima ancora della costituzione della nostra associazione. In alcuni momenti, il silenzio assordante degli uffici alle nostre richieste e sollecitazioni, ci ha certamente sconfortato ma siamo sempre stati certi che il tempo ci avrebbe dato ragione, che i cittadini si sarebbero uniti a questo grande progetto’’.

Fondamentali sono stati l’impegno di comitati e associazioni, con la quale si è riuscito a raggiungere un accordo con il Comune. Oltre le diverse associazioni che si sono spese per questa causa, si registra anche il sostegno dei cittadini palermitani, che hanno aderito ad una raccolta firma lanciata sulla piattaforma change.org.

Quindi con il via libera del Comune, è stata emanata ufficialmente la delibera amministrativa della Giunta comunale di Palermo che istituisce e programma la procedura che porterà alla realizzazione del Parco Villa Turrisi, che sarà arricchito all’attuazione del progetto di riconversione a uso piste ciclabili greenway delle ferrovie dismesse del tratto Palermo-Monreale.

La novità sembrano essere le piste ciclabili greenway. Ma cosa sono? Il direttivo ci ha spiegato che

le greenway, in inglese “vie verdi”, ‘’sono corridoi ecologici ciclo-pedonali. Hanno un valore a sé in quanto percorsi immersi nella natura, ma anche come linee di collegamento fra diversi punti del territorio urbano ed extraurbano. Nel caso specifico il progetto di greenway prevede, tra l’altro, il collegamento tra Palermo e Monreale, attraverso il recupero e la riqualificazione paesaggistica del dismesso percorso ferroviario Palermo-Camporeale, anche alla luce della candidatura UNESCO per il percorso arabo-normanno.’’

All’interno della spazio dove andrà a sorgere il parco, attualmente passano due corsi d’acqua: il Canale Passo di Rigano ed il Canale Borsellino. Le diverse associazioni e comitati hanno chiesto la loro rinaturalizzazione, cioè il loro inserimento all’interno del parco; attualmente, ci raccontano, che ‘’i canali sono regolati da percorsi di cemento e coperti da solette in dubbio stato di conservazione’’. Il direttivo ci spiega che non hanno ‘’intenzione di chiederne la gestione. Ma deve essere l’amministrazione ad adempiere alle sue funzioni’’. Speriamo che si proceda alla loro rinaturalizzazione, permettendo ai cittadini di godere delle particolarità che il nuovo Parco Villa Turrisi potrà offrire.

Riguardo Manfredi Cavallaro

Studio presso la facoltà di Giurisprudenza di Palermo. Ho collaborato con ''L'Ora''.

Leggi anche

Mother breastfeeding child

Allattare, le ragioni spiegate alle giovani donne in 60 secondi

Il latte materno non è solamente il miglior alimento possibile per ogni neonato, ma è …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *