Home / #Ambiente / Vacanze 2016 in Sicilia: alcuni suggerimenti
Marina di Ragusa…..packed with people in the summer, almost em

Vacanze 2016 in Sicilia: alcuni suggerimenti

Viaggiare è diventata un’esigenza indispensabile, soprattutto dopo un anno intenso di lavoro, studio e fatiche. Con lo scopo di valorizzare, prima di tutto, le straordinarie bellezze che abbiamo dietro l’angolo, vi proponiamo nove possibili mete rigorosamente in Sicilia. E parliamo di Sicilia orientale, una delle zone a più forte vocazione turistica di tutta l’Europa ultimamente di grande moda anche grazie al Commissario Montalbano, il serial Rai che ha acceso i riflettori sulla nostra Isola anche grazie all’altissimo share ottenuto  da tutte le puntate dalla fiction.

 

http://www.centrobenessereacquaplanet.it/wp-content/uploads/2015/03/catania.jpg
http://www.centrobenessereacquaplanet.it/wp-content/uploads/2015/03/catania.jpg

CATANIA 

Voglio cominciare da questa location per le bellezze artistiche e paesaggistiche che la caratterizzano. E’ la città più grande della Sicilia orientale, ben collegata all’aeroporto e, sicuramente, una delle più trafficate della regione. La via Etnea è la strada principale, caratterizzata da un’infinità di negozi e abitazioni caratteristiche. Significativo il mercato di Catania, un tappeto di bancarelle di colori e odori dove si trova di tutto a prezzi davvero convenienti. Tappe obbligate per i golosi e i buongustai sono i due bar di fronte la Villa Bellini, uno dei giardini pubblici più ricchi e curati, Savia e Scardaci. Da Savia bisogna assaggiare la saporitissima arancina di carne, da Scardaci le granite al pistacchio. Per chi decide di pernottare a Catania, imperdibile è All’Ostello, un vero e proprio ostello della gioventù la cui caratteristica principale è la grotta sotterranea, visitabile. Uno spettacolo mozzafiato.

ACI TREZZA 

acitrezza
http://www.il-cherubino.it/sites/default/files/field/image/acitrezza.png

Chi visita Catania non può non passare per Aci Trezza, il “porticciolo turistico” a cui sono legate tante leggende: in primis quella di Polifemo, il ciclope dell’Odissea di Omero. Si narra infatti che i faraglioni di Aci Trezza siano la conseguenza della rabbia del mostro che, accecato da Ulisse, li scagliò in mare nel tentativo di ucciderlo. Ma Aci Trezza è anche la sede de “la casa del Nespolo” di cui parla Verga nei Malavoglia. Leggenda, tradizione e sapori si fondono in questo posto incredibile. Inoltre è possibile trascorrere un’intera giornata di mare, rivolgendosi a Sebastiano, uno dei pescatori che a bordo della sua barchetta, accompagna turisti e visitatori nell’Isola Lachea, la più grande delle isole che costituiscono l’arcipelago dei Ciclopi. In alternativa è possibile raggiungere gli isolotti noleggiando, a modici prezzi, canoe e pedalò.

ACI CASTELLO

aci_castello_porto
http://sicilia.cosavedere.net/wp-content/uploads/2010/12/aci_castello_porto.jpg

E’ il primo centro della riviera dei ciclopi, così chiamata proprio per via dei faraglioni e della leggenda prima raccontata. Appare agli occhi del visitatore come una piccola località balneare adagiata ai piedi dello spettacolare castello normanno, risalente al Medioevo. A pochi chilometri da Catania, facilmente raggiungibile in macchina o con il bus urbano che parte da Piazza Alcalà, l’attrazione principale di Aci Castello è certamente il mare. E’ uno degli angoli della Sicilia più ritratti dagli artisti per il suggestivo litorale fiancheggiato da agrumeti che si modella proprio a partire dal castello. Spiaggia di lava, pontili in legno montati appositamente nella stagione estiva, immersioni e passeggiate per le viuzze del paese sono solo alcune delle cose da poter fare.

CALTAGIRONE 

54C1B63D9DFCD36E98A2644344D6E_h338_w598_m2_q90_cTEqzTySN
http://www.youthunitedpress.com/wp-content/uploads/2014/06/54C1B63D9DFCD36E98A2644344D6E_h338_w598_m2_q90_cTEqzTySN.jpg

E’ una città in provincia di Catania famosissima per le sue ceramiche. Dal 2002 il centro storico di Caltagirone è patrimonio mondiale dell’Unesco. In questa città hanno origine due delle tradizioni più emblematiche della Sicilia: quella della ceramica calatina, che vanta un’origine antichissima risalente ai greci e mantenuta fino ad oggi e quella dei Pupi siciliani che raccontano l’epica nei brani dei cantastorie. Caltagirone è stata la roccaforte di ogni gente venuta in Sicilia, dai greci ai bizantini, fino ai normanni al punto da possedere un’eredità culturale di primo livello. D’obbligo l’acquisto di una ceramica in uno dei tanti negozietti caratteristici e una passeggiata sulla scalinata.

LA RISERVA NATURALE DI VENDICARI 

a431fe43e83712d83081f82354447e5dvendicari fenicotteri
http://mysocialpet.it/files/large/a431fe43e83712d83081f82354447e5d.jpg

Se molti conoscono Noto e le sue straordinarie bellezze, non tutti conosceranno la riserva naturale a essa vicina. Stiamo parlando di questa grandissima Oasi che vanta le spiagge più belle come la spiaggia Eloro, sabbia chiara e acqua cristallina, a nord della riserva, facilmente raggiungibile dall’autostrada Siracusa- Gela, a dieci minuti dall’uscita Noto; la spiaggia Marianelli, isolata e selvaggia, tra le spiagge di Eloro e Calamosche, ideale per i bambini: fondali bassi, tranquillità e privacy sono i suoi pregi; la spiaggia di Calamosche che è quella più famosa della riserva, nuotando lungo il golfetto il fondale diventa profondo ed è possibile ammirare le grotte e le cavità che vantano una variegata fauna marina. In certi periodi dell’anno poi è possibile apprezzare anche i fenicotteri rosa.

MARZAMEMI 

Sights_DAY2_04_1024x-925x451marzamemi
http://www.ragusanews.com/immagini_articoli/01-09-2015/1441136836-0-a-marzamemi-il-primo-festival-del-pesce-azzurro.jpg

E’ una frazione marinara in provincia di Siracusa, vicina a Vendicari ed è sicuramente una delle località di mare più suggestive. Una piccola borgata a pochi chilometri da Pachino, la Tonnara di origine araba, approdo del porto dei pescatori che l’ha reso un borgo marinaro per eccellenza, le casette dei pescatori dalla vista sul mare impareggiabile sono solo alcune delle tante attrattive che offre. La sera la piazza si riempie di gente, di bambini, di turisti, di bancarelle artigianali, di puntini colorati e di biciclette. Una località in cui sembra essersi fermato il tempo, sinonimo per eccellenza del calore siciliano. In estate si tiene il festival del cinema di frontiera, un importante evento. Consigliato inoltre un giro nella libreria in piazza.

PORTOPALO di CAPOPASSERO 

portopalo di capopassero
http://www.tourisminitaly.info/public/tours/full/tonnara-di-capo-passero.jpg

E’ il comune più a sud di Sicilia: l’acqua è turchese e cristallina, la spiaggia dorata e brillante. Diversi sono i lidi sulla spiaggia attrezzati per degustare fresche granite. Un paesaggio da cartolina, pieno di fascino reso dalla morfologia che vede l’alternarsi del mare limpido ai lidi sabbiosi, una natura a tratti selvaggi a tratti toccata dalla mano dell’uomo. Un posto generalmente calmo e tranquillo, visitato soprattutto dai turisti europei. Un luogo dove abbandonarsi e scordarsi del resto (i cellulari non prendono mai!).  Anche qui è possibile noleggiare canoe, pedalò e piccole barchette per una breve perlustrazione. Ideale per chi odia le spiagge sovraffollate.

MARINA DI RAGUSA

Marina di Ragusa…..packed with people in the summer, almost em
http://www.sciarahouses.it/wp-content/uploads/2016/03/Marina-di-Ragusa-coastline-sicily-1.jpg

Marina di Ragusa è uno dei centri turistici più frequentati e una delle località balneari più attrezzate e rinomate nella Sicilia Sud-orientale. Il suo litorale infatti è caratterizzato dalla presenza di numerose strutture ricettive e luoghi di divertimento, nonché dalla presenza di spiagge sabbiose e ampie che la rendono particolarmente allettante. Vanta una collocazione geografica strategica, infatti è inserita nel contesto d’eccellenza  barocco, per non parlare della tradizione eno-gastronomica che consente di assaporare antichi sapori. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti come la Bandiera Blu per le spiagge, la qualità delle acqua, della costa, dei servizi, delle misura di sicurezza e secondo TripAdvisor è la più bella spiaggia d’Italia. Tappa obbligata il gelato da “Tasta” e una passeggiata nel porto turistico, piccola chicca della zona.

PuntaSecca Montalbano
http://www.fotoeweb.it/Sicilia/PuntaSecca/PuntaSecca%20Montalbano.jpg

PUNTA SECCA

L’abbiamo vista e rivista, assaporata in tutte le sue salse, ammirata e contemplata nella fiction Il commissario Montalbano, ma l’avete mai visitata? Vale la pena trascorrere un rilassante pomeriggio in un posto come quello: ammirando il grande faro, la casa del commissario aperta ai visitatori, le case sulla spiaggia e l’acqua limpida. Se decidete di restare per la serata potete optare per un delizioso menù di pesce da “Enzo a mare”, il celebre ristorante dove mangia il commissario o, se siete più rustici, per una bella pizza da “Rosengarten”. Dopo una cena così, il dessert è d’obbligo: dunque potete consumarlo al “Bacio di Zefiro”per gelati paradisiaci.

 

 

 

 

Riguardo Maria Eleonora Palma

Nata a Vittoria il 24 novembre 1993, frequento il corso di laurea in architettura presso il Polo didattico distaccato di Via Quartararo ad Agrigento. Ho pubblicato un libro nel 2015 dal titolo "Anche i porcospini possono volare", Algra Editore. Da quattro anni scrivo anche per Liveunict.

Leggi anche

fiume Oreto

I luoghi del cuore del FAI: 40mila euro per salvare l’Oreto

Il Fiume Oreto si piazza al secondo posto nel censimento del FAI "I luoghi del cuore" e ottiene 40mila euro per la sua rinascita e valorizzazione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *