Home / #scoprisicilia / Ustica, la perla nera del Mediterraneo
19401861_10213711681256060_4069919544049541680_o

Ustica, la perla nera del Mediterraneo

Tra le mete estive più ambite, Ustica occupa certamente una posizione di rilievo. Situata a pochi chilometri dalla costa palermitana, ed a poche ore di viaggio in catamarano ed aliscafo dal porto di Palermo, l’isola di Ustica è un gioiellino per ogni visitatore che si appresti a raggiungerla, con i suoi fondali limpidi e inesplorati e le numerose grotte che si stagliano fra terraferma e mare.

Conosciuta dai romani come Ustum, “bruciato”, per via delle sue origini vulcaniche, e dai greci con il nome di Osteodes, “ossario”, a causa della sfortunata fine di alcuni soldati mercenari, morti sull’isola di fame e sete, Ustica si ricollega al mito, ritenuta da alcuni come la dimora della potente maga Circe, che nell’Odissea trasformò i marinai che accompagnavano Ulisse in maiali. Oggi l’isola è conosciuta come la perla nera del Mediterraneo, per via delle sue rocche laviche, e si conferma come la capitale dei Sub, con le sue acque che sanno proporre le specie più belle e anche più rare del Mediterraneo.

ustica2Sull’isola è possibile svolgere numerose attività subacquee, ma le zone marittime che la compongono non sono ugualmente visitabili. La zona A – Riserva Integrale è una zona di protezione dell’ambiente che consente agli ecosistemi marini di esistere e ripopolarsi lontani dalla presenza dell’uomo. In questa zona è vietata ogni forma di pesca, la navigazione, l’accesso e la sosta con natanti di qualsiasi tipo e ogni attività che possa recare danno alla flora e alla fauna. È consentita la balneazione in punti specifici. La zona B – Riserva Generale è chiamata anche “Zona Cuscinetto” in quanto circonda completamente la zona A di riserva integrale. In questa zona è vietato ai subacquei qualsiasi forma di pesca. Infine, la zona C – Riserva Parziale occupa il settore meridionale dell’isola, in cui è consentita la pesca professionale su autorizzazione ed è ammessa ogni forma di pesca sportiva, nei limiti consentiti dalla legge.

Sull’isola, nella quale è presente un servizio di bus navetta che ne effettua il giro, è inoltre possibile visitare il museo archeologico locale, il quale raccoglie resti e materiali delle civiltà insediatesi nel corso dei secoli, oltre a poter gustare i prodotti tipici, fra tutti la lenticchia, riconosciuta fra le più piccole in Italia ed inserita nella lista di Slow Food tra i prodotti in via d’estinzione.

Riguardo Marta Cianciolo

Marta Cianciolo
Studentessa al corso di studi in Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo.

Check Also

desk-1952956_960_720

Storia di una grande “impresa”: la mostra delle ex Officine Ducrot a Palermo

In ricordo delle ex Officine Ducrot, si tiene a Palermo fino al 19 novembre 2017, ai Cantieri Culturali alla Zisa, proprio nell’ex sede dell’Officina dei mobili, la mostra intitolata “ Ducrot – Palermo: qualità e profitto nella produzione industriale di mobili e arredi”, che si inserisce all’interno della manifestazione "I design 2017 - Itinerari Storici e Contemporanei".

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *