Home / #CampusLife / Unipa, Un concorso fotografico contro la violenza sulle donne
url

Unipa, Un concorso fotografico contro la violenza sulle donne

L’ associazione universitaria  Intesa Donne, voce femminile degli studenti universitari,  in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, indice un concorso fotografico rivolto a tutta la popolazione studentesca di Unipa.

“Nel mondo una donna su tre –afferma Norma Paci presidente dell’associazione–  durante l’ arco della sua vita, subisce violenza fisica, psicologica o sessuale. In Italia sono quasi 7 Milioni. Per questo motivo – continua la presidente Paci- attraverso degli scatti, vorremmo sensibilizzare ogni uomo e donna contro la violenza di genere“.

Dal 13 Novembre sino alle ore 13.00 del 19 Novembre, ciascun concorrente potrà mandare il proprio elaborato alla pagina Facebook “Intesa Donne” o via e-mail all’indirizzo di posta elettronica intesadonne@gmail.com. Le foto saranno pubblicate sulla pagina fb dell’associazione e i tre elaborati , che al termine del concorso otterranno più like, risulteranno i vincitori.
Al primo classificato  andrà un premio in denaro pari a 100 euro e  al secondo e al terzo un corso di Autodifesa femminile e dei presidi farmaceutici di prevenzione.

La premiazione avverrà il 25 Novembre alle ore 15.30 presso l’ Aula Capitò, sita presso l’ Edificio 7 di Viale delle Scienze (ex – Facoltà di Ingegneria) alla conclusione di un dibattito dove verrà trattato l’argomento dal punto di vista  legale e psicologico dai membri dell’associazione Le Onde di Palermo, dalla prof.ssa Maria Garro e dalla dott.ssa Cinzia la Carruba.

Riguardo Angelo Casano

Angelo Casano
Nato a Pantelleria il 12-11-1991, studente presso il corso di laurea in medicina e chirurgia dove ha ricoperto la carica di rappresentante del corso di studi. Scrive anche per il blog www.agorapnl.it e www.infouni.it

Leggi anche

20191104_100934

VERTICE IN ASSESSORATO DOPO LA PROTESTA DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI

Gli sviluppi sulla vertenza degli studenti universitari che chiedono maggiori risorse per il diritto allo studio universitario

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *