Home / #CampusLife / Unipa: al via il seminario sull’evoluzione delle automobili Peugeot
Immagine: asifed.it
Immagine: asifed.it

Unipa: al via il seminario sull’evoluzione delle automobili Peugeot

Per dare la possibilità agli studenti di spaziare in più ambiti della conoscenza, l’Università degli studi di Palermo, la Scuola Politecnica e il Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi, in collaborazione con l‘associazione studentesca Vivere Ingegneria, hanno ideato un seminario dal titolo “Evoluzione delle automobili Peugeot”. L’incontro, appartente al ciclo “1886 – 1906, Dalla carrozza senza cavalli all’automobile”, si pone come obiettivo quello di illustrare le prime tappe del processo evolutivo che ha condotto alla definizione dell’automobile moderna.

Immagine: vivereingegneria.com
Immagine: vivereingegneria.com

L’iniziativa è promossa dall’Automotoclub Storico Italiano (ASI) presso le più importanti università italiane.
A dibattere sui temi del seminario sarà Lorenzo Morello, ingegnere ed ex capo progettista e responsabile della divisione veicoli di FIAT, oggi presidente della commissione cultura dell’ASI che, partecipando come relatore, metterà a disposizione degli studenti la propria professionalità. Con un tuffo nel passato illustrerà le particolarità e le motivazioni progettuali delle prime automobili Peugot.
“L’intento – spiega Patrizia Caruso, presidente dell’associazione studentesca Vivere Ingegneria – è quello di arricchire le prospettive dei giovani studenti dell’ateneo palermitano, sia in termini culturali che professionali”.
L’incontro si svolgerà venerdì 15 Aprile alle ore 10.00 presso l‘aula O010 del Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi situato all’interno dell’edificio 8 di viale della Scienze.

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

Il professor Giulio Taglialatela della UTMB (USA) in visita a Portella della Ginestra (Palermo)

Biomedicina e neuroscienze, un dottorato di successo Italia-Usa a Unipa

Al docente universitario italo-americano Giulio Taglialatela, neuroscienziato, direttore del Mitchell Center della University of Texas …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *