Home / #CampusLife / UN NUOVO PUNTO RISTORAZIONE PER GLI STUDENTI ERSU AL TEATRO MASSIMO
COT_D4S_0005

UN NUOVO PUNTO RISTORAZIONE PER GLI STUDENTI ERSU AL TEATRO MASSIMO

Giorno 1 febbraio 2020 inaugurazione di una nuova sede per la ristorazione degli studenti serviti dall’Ersu, l’ente regionale per il diritto allo studio universitario.

L’appuntamento è alle ore 12,30 di sabato prossimo presso la sala del Caffè del Teatro Massimo, in piazza Giuseppe Verdi a Palermo, all’interno del Teatro Massimo.

All’inaugurazione sono previsti gli interventi di: Giuseppe Di Miceli (presidente ERSU Palermo), Emanuele Ribaudo (presidente COT Ristorazione), Francesco Giambrone (sovrintendente Teatro Massimo), Leoluca Orlando (sindaco di Palermo), Roberto Lagalla (assessore regionale dell’Istruzione e formazione professionale).

Seguirà il taglio del nastro per l’accesso all’area bouvette che potrà essere utilizzata dagli studenti, dal lunedì al venerdì, dalle ore 12 alle ore 15.

locandina digitale 1 febbraio (1)

Riguardo dario.matranga

dario.matranga
Dario Matranga, classe '65 palermitano, è il direttore responsabile del giornale IoStudio fondato 2005 . Giornalista professionista, è anche capo Ufficio Stampa dell'Ersu da maggio 2000. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e radiofoniche e ha lavorato in uffici stampa nazionali e internazionali per organizzazioni giovanili e sindacali. E' impegnato anche nel mondo dell'associazionismo sindacale. La mail a cui potete scrivergli è ufficiostampa@ersupalermo.gov.it oppure dario.matranga65@gmail.com

Leggi anche

webkit-2020-WP

Festival delle Letterature Migranti, il programma di domenica 25 ottobre

Gli autori dell’ultima giornata: Suad Amiry, Veit Heinechen, Dror Mishani, Ruska Jorjioliani, Sarah Mustafah, Oliver Van Beemen, Giulio Guidorizzi, Pietro Folena, Domenico Quirico, Daniela Padoan, Pietro Leveratto. Il juke box virtuale della sezione musicale a cura di Dario Oliveri. Per la sezione audiovisivi a cura di Andrea Inzerillo, proiezione in anteprima di alcuni minuti del film collettivo girato dagli studenti del CSC durante il lockdown.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *