Home / #ErsuCultura / Un festival di letterature migranti
header_prova

Un festival di letterature migranti

A partire dal 7 ottobre fino a domenica 11 ottobre 2015 si svolgerà a Palermo il Festival delle Letterature Migranti, un’occasione di incontro e riflessione su delle tematiche pienamente attuali ma che non durano da poco, un evento che vedrà la letteratura al servizio della società; in un momento in cui la migrazione è una “questione” accesa e vista sia come fattore di crescita che di decrescita morale, economica, culturale da parte di enti e istituzioni, l’anello più debole è il migrante rappresentabile come un abitante di una terra che non lo riconosce che si sposta da una terra in cui non si riconosce. E in questo senso la letteratura si fa scrigno di parole strozzate che descrivono paesaggi di anime incomprese perché a volte incomprensibili a orecchie culturalmente diverse; si rende dunque, strumento di traduzione.

Durante il Festival ci sarà occasione di ascoltare alcune testimonianze molto attuali di scrittori che con il loro vissuto ci raccontano la diversità, ciò che é ”altro” e di come questo sia riconoscibile, e riconoscendolo nel giusto e nell’ingiusto sia possibile capirlo, cambiarlo, nel caso fermarlo. Sarà possibile conoscere una letteratura che non si fa più esotismo ma sensibilizzazione e anche educazione civica, per cui il terreno dell’immaginazione viene espropriato a favore di un’anti-narrazione che non ha finalità meramente discorsive ma prescrittive, nel tentativo di regolare dei comportamenti e degli atteggiamenti non comprensibili o giustificabili.

Per conoscere i dettagli sul programma e sugli scrittori provenienti da diverse nazioni che faranno da perni portanti l’evento, è possibile visitare il seguente link: http://www.festivaletteraturemigranti.it/

Riguardo Ylenia Nasti

Ylenia Nasti
Laureata all’Università di Palermo. Amo i libri, i paesaggi e la cucina siciliana

Leggi anche

foto presentazione progetto 2

Al via il Programma Speciale per l’Istruzione e la Formazione negli Istituti Penitenziari Minori

Nella Sala Padre Pino Puglisi del Centro di Giustizia è stato presentato, con grande attenzione dei presenti, il “Programma speciale per l’istruzione e la formazione negli Istituti Penitenziari e nei Servizi Minorili della Giustizia”, che prende a cuore il reinserimento nella società dei giovani che scontano una pena, attraverso l’istruzione e la formazione, tenendo conto dei loro contesti sociali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *