Home / #EfeboCorto / “Corto” in 72 ore: il backstage di Interiors
20151216005230

“Corto” in 72 ore: il backstage di Interiors

Sono stati selezionati con il teaser Interiors e si sono aggiudicati la partecipazione alla finale dell’Efebo Corto Film Festival. Da domenica, e in solo 72 ore, sono chiamati a ideare, girare e montare un cortometraggio inserendo gli elementi richiesti dal contest ‘72 ore Film Project’.

Sono l’agrigentino Andrea Rizzo Pinna, e i palermitani Simona La Marca, Giuliana Navarra, Fabrizio La Monica e Michele Romano.

Non sono nuovi a questa esperienza, sono studenti dell’Accademia di Belle Arti e amano il cinema.
Si sono divisi i ruoli in maniera esperta: c’è il regista, l’operatore e fotografo, il fonico e due attori.

Il loro cortometraggio è un dramma. Più che motivata allora la scelta dei luoghi: hanno infatti girato al Cimitero di Santa Maria dei Rotoli e un interno in zona Uditore.

«La vera difficoltà riscontrata è l’inserimento del personaggio Giuseppe Tomasi di Lampedusa -dice Andrea, il regista- perché abbiamo deciso di ambientare il cortometraggio ai giorni nostri».

 

Riguardo Gaia Butticè

Gaia Butticè
Nata ad Agrigento il 12/03/1991, vivo tra Favara e Palermo. Ho una laurea in Lettere e sono al momento iscritta al secondo anno di Filologia moderna e italianistica

Leggi anche

i vincitori di 72 ore film project provenienti da Catanzaro

I vincitori dell’Efebo Corto Festival 2015: i “GR3D” si raccontano

Grande successo per i vincitori dell’11ª edizione dell’Efebo Corto Festival 2015. Il cortometraggio che ha …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *