Home / #Mondo / Turismo più accessibile a Siracusa
Foto tratta da italia.it
Foto tratta da italia.it

Turismo più accessibile a Siracusa

La Sicilia vanta bellezze artistiche incredibili che richiamano turisti da tutt’Italia e dal mondo. Ma c’è un tipo particolare di turismo che presenta dati in forte crescita, quello accessibile ai disabili. Ad aggiudicarsi il titolo di prima classificata per la promozione di un turismo accessibile è la provincia di Siracusa. A dirlo sono i dati stilati dall’associazione Sicilia turismo per tutti, secondo i quali, la possibilità di ammirare le bellezza del territorio siracusano è alla portata di tutti.

Foto tratta da it.wikipedia.org
Foto tratta da it.wikipedia.org

La città siciliana riserva ai suoi visitatori un’accoglienza adatta a tutte le necessità con il superamento delle barriere architettoniche che, di solito, non consentono la fruibilità dei luoghi ai disabili. Per questo motivo Siracusa si rivela una città aperta a tutti e meritevole del titolo.
Mare per tutti” è una delle iniziative che ha visto Siracusa in prima linea per la creazione di una sinergia fra amministrazioni e privati in grado di consentire a turisti e cittadini una fruizione libera di spiagge e lidi prescindendo dalle possibilià fisiche.
L’obiettivo perseguito dall’associazione “Sicilia Turismo per Tutti” è la realizzazione del progetto “Sviluppo del Turismo per Tutti”, che si prefigge l’obiettivo di creare condizioni per lo sviluppo del turismo accessibile in Sicilia. In questo modo sarà possibile incrementare la capacità di attrarre flussi turistici con bisogni speciali e di accoglierli con servizi di elevata qualità, accrescendo il loro grado di soddisfazione e la loro fidelizzazione alle strutture. Sarà possibile, così, migliorare l’immagine complessiva del sistema turistico dell’ isola, qualificandola come “accessibile”.

Foto tratta da wikipedia.org
Foto tratta da wikipedia.org

Tra i luoghi già completamente accessibili, il Parco Archeologico della Neapolis, l’Anfiteatro Romano e il Teatro Greco in cui gli spettatori possono assistere a rappresentazioni classiche tradotte anche nella lingua dei segni.
Anche Noto, insieme a Siracusa, è in prima linea per rispondere alle esigenze dei non udenti. I turisti, sono accompagnati, infatti, da guide specializzate che illustrano i siti nella lingua dei segni. Un’ iniziativa lodevole che mira a rendere accessibile anche ai non udenti il tesoro artistico e culturale delle due città Patrimonio dell’Unesco. Al Santuario della Madonna delle Lacrime di Siracusa, inoltre, una volta al mese si celebra la messa.

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

intercultura

Intercultura, è online il bando per studiare all’estero

È online il nuovo bando di concorso Intercultura, per i programmi all’estero 2020/2021. Sul sito …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *