Home / #IoDicoLaMia / Trasporto pubblico massacrato, ma il tram un giorno arriverà all’Università
tram-660x330

Trasporto pubblico massacrato, ma il tram un giorno arriverà all’Università

Durante il dibattito che si è svolto al Politeama agli inizi del mese di giugno l’amministrazione comunale di Palermo ha annunciato un ampliamento della rete tranviaria, che passerà anche vicino l’Università degli Studi di Palermo. La decisione prevede che, grazie ai fondi comunitari, tre nuove linee amplieranno l’attuale rete e si collegheranno con il passante ferroviario. La linea 4, prolungamento della linea 3b sulla circonvallazione, passerà proprio per via Ernesto Basile, esattamente di fronte ad uno degli ingressi dell’Università, per poi proseguire fino a Falsomiele-Bonagia, passando lungo via Lodato.

Quando effettivamente vedremo il tram attraversare le strade di Palermo non è ancora sicuro. Ciò che è invece è già una sicurezza è che a fine giugno verrà chiusa la tratta ferroviaria dalla stazione di Punta Raisi a quella di Palermo Notarbartolo per quasi due anni, per consentire i lavori del raddoppio ferroviario. Al rientro dalle vacanze estive gli studenti pendolari che viaggiano sul treno troveranno un’amara sorpresa e, dato che ancora non si sa quali provvedimenti verranno presi per consentire il trasporto sostituivo (si pensa a delle navette), non è difficile immaginare che raggiungere l’Università diventerà un’impresa.

A ciò, infatti, si aggiunge la notizia secondo cui la società Amat spa (che fra l’altro gestisce la rete tranviaria) ha deciso di tagliare alcune linee bus. Anzi, stando alle dichiarazioni dell’assessore comunale alla Mobilità Giusto Catania “che l’Amat resista è già un grande successo, considerato che la Regione ha deciso di massacrare il trasporto pubblico urbano”. Il quadro che emerge non è dei migliori: la Sicilia ancora tagliata a metà a causa del crollo del viadotto sulla A19 e una bretella ancora da realizzare, niente più collegamenti ferroviari con l’aeroporto di Palermo, meno autobus e un tram ancora in costruzione. “Massacrare il trasporto pubblico” è un eufemismo.

Riguardo Eliseo Davì

Eliseo Davì
Ho scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Sono Direttore del blog di informazione online "Il giornale di Isola" e ho collaborato con "L'ora". E nel frattempo studio, frequentando la facoltà di Giurisprudenza di Palermo.

Leggi anche

business center

Giovani e lavoro: esplode la moda dei “business center”

Sempre più neolaureati si affidano ai Business center per avviare il loro business. Vediamo cosa sono e come funzionano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *