Home / #CampusLife / Tra potenzialità e burocrazia. Cos’è l’Hotel Patria?
Hotel Patria Palermo

Tra potenzialità e burocrazia. Cos’è l’Hotel Patria?

Si è svolto nella mattina del 22 aprile, presso la terrazza dell’Hotel Patria, in via Alloro a Palermo, un incontro con la stampa tenuto dal presidente dell’Ersu, Alberto Firenze.

È stata illustrata la triste e paradossale vicenda che riguarda l’Hotel Patria: una struttura che già nel 1995 fu destinata a residenza universitaria, ristrutturata da diversi anni ma che, ad oggi, non può ancora essere utilizzata per vari intoppi burocratici.

Ma cos’è l’Hotel Patria?

Oltre ad essere un immobile con potenzialità incredibili, a due passi da piazza Rivoluzione e piazza Marina, con spaziose e luminose camere per ospitare circa 80 studenti, l’Hotel Patria è anche la conseguenza di anni di scelte sfortunate, “scelte discutibili” come commenta il presidente dell’Ersu, irritato da anni di deleteria burocrazia.

Ma soprattutto, la struttura in questione, è una possibilità in meno per gli studenti universitari, è l’ennesima batosta al diritto allo studio sempre più leso, è l’emblema di una Regione che non mostra di appoggiare gli studenti che scelgono di rimanere in Sicilia.

La conferenza stampa è stata l’occasione per visitare la struttura e constatare come i lavori siano quasi ultimati, ma fermi. Cavilli e intoppi burocratici, di cui gli studenti oggi subiscono ancora le conseguenze dopo 21 anni dall’inizio dell’iter di destinazione dell’immobile a casa dello studente.

L’immobile in questione racchiude, come uno scrigno, storie e volti importanti. Nel quartiere di origine araba della Kalsa, per anni ha legato la sua fama alla famosa trattoria Stella che ha accolto spesso i giudici Falcone e Borsellino ed è stata altresì tappa obbligata per i giornalisti inviati dalle redazioni per raccontare la Palermo degli anni ’80.

L’edificio, di origine quattrocentesca, di proprietà di Federico Abatellis, fu ampliato nel Seicento e quasi ricostruito nel Settecento, dopo un terremoto, da Baldassarre Naselli d’Aragona e per questo conosciuto originariamente con il nome di “palazzo Naselli di Aragona”. A metà Ottocento venne trasformato da nuovi proprietari in hotel, l’albergo Aragona, che nel 1891 divenne “hotel Patria”, e fu uno dei più rinomati alberghi della città fino alla seconda guerra mondiale. Nel 1943 l’albergo fu chiuso perché l’edificio fu gravemente danneggiato  nei bombardamenti del 7 luglio.

Ma percorriamo alcuni eventi salienti che vedono la struttura al centro di un’infinita contesa:

  • Il 30 Novembre 1995 viene stipulata una convenzione tra l’Università di Palermo, la IACP e l’opera universitaria, oggi Ersu, per il recupero di immobili tra cui l’Hotel Patria
  • Giugno 1998 l’ingegnere Di Cristina, incaricato all’esecuzione dei lavori e progettista dell’opera di restauro, fornisce il documento di relazione tecnica descrivendo nel dettaglio il restauro in progetto
  • Maggio 2002 si registrano i primi rallentamenti nei lavori per “le condizioni ostative nelle quali ci si trova ad operare dovute a procedimenti giudiziari tra alcuni condomini e l’Università”
  • 30 Dicembre 2002, evento sismico arreca danni e lesioni gravi alla struttura
  • Luglio 2005 ulteriori rallentamenti su questioni riguardanti scala antincendio e ascensore, e impossibilità ad effettuare consolidamenti strutturali poiché non autorizzati dai proprietari dei locali piano terra e ammezzato
  • Marzo 2008 l’Ersu attiva servizio di sorveglianza h24 per evitare l’ingresso di occupanti abusivi
  • 26 Marzo 2008 la struttura viene data in consegna all’Ersu senza i collaudi tecnico amministrativi
  • 24 Novembre 2010 l’Ersu convoca una conferenza dei Servizi per affrontare le criticità dell’immobile e le precedenti scelte dell’ingegnere Di Cristina
  • 20 Gennaio 2011 la struttura non può ancora essere adibita a residenza universitaria e l’Ersu tenta di riconsegnare la stessa all’Università e all’IACP rimanendo disponibile a riassumere la gestione solo quando lo stesso risulta pienamente disponibile all’uso. La riconsegna non avviene
  • 6 Settembre 2011 l’Ersu comunica che cesserà di assicurare la custodia dell’immobile
  • 28 Ottobre 2014 IACP comunica che sono stati finanziati i lavori di completamento dell’Hotel Patria da destinare all’Ersu
  • 15 Settembre 2015 IACP comunica che i lavori devono completarsi entro 100 giorni naturali e consecutivi decorrenti dalla data del verbale, quindi entro il 24/12/2015
  • 24 Dicembre 2015 IACP comunica che i lavori sono stati interrotti per un ricorso
  • 14 Aprile 2016 Unipa comunica che “la Suprema Corte ha rigettato il ricorso per conto dell’Ateneo

 

Le foto della struttura:

Riguardo Gaia Butticè

Gaia Butticè
Nata ad Agrigento il 12/03/1991, vivo tra Favara e Palermo. Ho una laurea in Lettere e sono al momento iscritta al secondo anno di Filologia moderna e italianistica

Leggi anche

82422_trovarelavoro

In arrivo i concorsi nelle municipalizzate

Arrivano i concorsi nelle municipalizzate palermitane: la Giunta comunale di Palermo ha deliberato il piano …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *