Home / #FLMPa / Tra le pagine dell’invenzione : incontro con Regis De Sà Moreira
festival-letterature-migranti-570x300

Tra le pagine dell’invenzione : incontro con Regis De Sà Moreira

L’incontro del Festival delle letterature migranti, alle ore sedici a Palazzo delle Aquile, prevede la conversazione “Dal Brasile alla Francia. Fra le Pagine del libraio”, con ospite l’autore Regis De Sà Moreira, in un dialogo con Paola Cadeddu.

All’incontro è anche presente una traduttrice che accompagna l’autore, la quale riesce perfettamente a esprime la varietà dei colori e delle espressioni  personali ed a volte “leggiadre” dell’autore: così infatti si imposta l’andazzo di questa conversazione, che appunto si focalizza sulla sua ultima produzione “Il libraio”: questo libro, che ha riscosso un grande successo in Italia, è un libro che suscita momenti divertenti e spensierati, con i suoi neologismi onomatopeici ( l’autore stesso infatti ha sostenuto di fare molta attenzione all’espressione dei suoni), ma anche dei momenti commoventi, il tutto però senza mai tralasciare, a dir dell’autore, una certa spensieratezza, che in un certo qual modo segue il personaggio.

Rispondendo alle domande di Paola Cadeddu, l’autore esprime alcune sue considerazioni tra il libro e sé stesso: infatti, il libro nasce anche da una sua attrazione per il mestiere del libraio, e da questa sua idea ha voluto creare pezzo per pezzo una realtà che fosse credibile, una realtà talmente tanto ricca da sembrare “vera”, ricca di surrealismi e sogni in un calderone di invenzione fornito di un costrutto logico.

Sono stati letti alcuni passi da “Il libraio”, che hanno divertito e interessato molto il pubblico, scatenando un interessante intervento: è infatti stato chiesto all’autore  se si celasse in qualche modo, alle spalle di questo suo stile libero e spensierato, anche una forma di resistenza letteraria: da qui l’autore ha saputo sia riconoscersi nella puntualità della domanda fattagli, sia ha voluto dispiegare un concetto tipico della sua poetica, ovvero quello dell’amore per la fantasia e l’invenzione letteraria come rimedio e riempimento per una deficienza della realtà, così egli infatti inventa con tutta questa libertà  per colmare quello che manca e che secondo lui dovrebbe esistere nella realtà.

Riguardo Alberto Ferrito

Sono uno studente di giurisprudenza che nutre la passione per, oltreché le scienze giuridiche, la letteratura classica, la prosa e la poesia; nutro un forte interesse verso le arti marziali; mi interesso di filosofia, ma di pochi filosofi; discuto volentieri di etica, ma sono un giuspositivista.

Leggi anche

Adriano Sofri racconta Kafka al Festival delle Letterature Migranti

Adriano Sofri presenta il suo ultimo libro “Una variazione di Kafka” al Festival delle Letterature Migranti. Durante la terza giornata della manifestazione Davide Camarrone, Direttore artistico dell’evento, dialoga con l’autore allo Steri, ragionando su...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *