Home / #ErsuCultura / Una tesi di laurea per riscoprire le sante patrone di Palermo
fonte: lalapa.it
fonte: lalapa.it

Una tesi di laurea per riscoprire le sante patrone di Palermo

Agata, Oliva, Cristina e Ninfa. Le sante patrone di Palermo nei dipinti della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis”, questo il titolo della tesi di laurea della neo dottoressa Conny Catalano che ora diverrà pubblicazione edita dalla casa editrice Kalós.
“Si tratta di uno studio – afferma Conny Catalano, autrice del libro – iniziato qualche anno fa in occasione di un tirocinio svolto presso la tardo gotica cornice museale palermitana, poi divenuto oggetto di tesi di laurea ed, infine, pubblicazione”. invito
L’indagine ruota intorno ad alcune opere della Galleria – alcune visibili al pubblico, altre custodite nei depositi – che raffigurano le quattro sante patrone che prima proteggevano il capoluogo siciliano e di cui oggi non se ne ha quasi più memoria. Tale pubblicazione dunque vuole essere un pretesto per strappare dall’oblio queste paladine della fede locale, private del loro prestigioso ruolo dopo che la Santuzza liberò la città dalla peste. Si tratta di un testo che accompagna l’analisi delle opere dell’Abatellis ad una digressione sulla vita, i culti e le immagini di queste martiri; un viaggio storico-critico, fatto d’immagini, per riscoprire la storia devozionale al femminile di Palermo prima del 1624, anno dell’elezione di Rosalia ad unica patrona della città.

La pubblicazione è stata presentata ufficialmente al pubblico mercoledì 9 dicembre nella cornice barocca di Santa Maria in Valverde.
Durante l’incontro sono intervenute la Prof.ssa Mariny Guttilla, docente di Storia dell’Arte Moderna presso l’Università degli Studi di Palermo, nonché relatrice dell’autrice; la Dott.ssa Evelina De Castro, Responsabile delle Collezioni presso la Galleria ed, ovviamente, Conny Catalano, autrice della pubblicazione.

Riguardo Giuseppe Palazzotto

Studente in Ingegneria Informatica, Laurea Magistrale. E' stato rappresentante degli studenti presso la Scuola Politecnica ed il Consiglio di corso di studi. E' tra i fondatori del blog www.lalapa.it Nel sociale svolge attività con il Rotaract Club Palermo Agorà. E' stato giocatore a livello agonistico di scacchi ed ora nel tempo libero svolge attività riconosciuta dal Coni e dalla Federazione come istruttore ed arbitro.

Leggi anche

foto Archibugi-String-Trio

Archibugi string Trio per la rassegna Brass at Spasimo venerdi 5 aprile ore 21.30

Atmosfere vivaci con un sound armonico e frizzante per il concerto “Archibugi String Trio” in programma per la stagione concertistica de “I venerdì al Blue Brass” nella rassegna Brass at Spasimo della Fondazione The Brass Group, venerdì 5 aprile alle ore 21.30. Archibugi String Trio è un gruppo dal repertorio decisamente non ‘allineato’, eppure formato da un organico tipico della tradizione strumentale da camera, il trio d’archi. Dotato di un impatto sonoro esplosivo e composto di musicisti provenienti da esperienze musicali diverse, l’ensemble realizza composizioni originali scritte dagli stessi componenti, Lelio Giannetto, Giuseppe Guarrella e Alessandro Librio ma esegue anche trascrizioni originali di alcuni ‘classici’ della musica rock, dai Led Zeppelin a Frank Zappa e di autori “eterodossi” come Fred Frith, Iva Bittova e John Zorn.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *