Home / #FLMPa / Terza giornata del Festival delle Letterature Migranti: Dario Viganò e Sabrynex
14468439_567310073455467_3260943182076368494_o-660x330

Terza giornata del Festival delle Letterature Migranti: Dario Viganò e Sabrynex

Durante la mattina della terza giornata del Festival delle Letterature Migranti, al Palazzo Arcivescovile, Monsignor Dario Viganò ha parlato del concetto di migrazione. Il presbitero (che è anche prefetto della segreteria per la comunicazione della Santa Sede), ha parlato di emergenza, del tentativo naturale degli uomini di cercare un tenore di vita migliore e dell’esigenza di confronto tra culture. Mons. Viganò ha quindi sottolineato la necessità di pensare che “il mondo non finisce con l’Italia e la lingua italiana” ma che, allo stesso tempo, “bisogna utilizzare la lingua italiana come occasione di incontro”.

L’interrogativo proposto dall’accademico, prende piede dal connubio tra migrazione e utilizzo degli strumenti di comunicazione: “Quali sono i profili identificativi dei vari dispositivi digitali?”. Ha aggiunto, inoltre, che Una volta c’erano i media da una parte e la società dall’altra. Oggi non si studia più l’influenza dei media sulla società perché i media sono i luoghi della nostra stessa esperienza. La società è il tessuto interno dei media. Bisognerebbe superare le geolocalizzazioni. I media dovrebbero essere luoghi di accompagnamento dei migranti che hanno abbandonato la propria terra”.

Nel pomeriggio, a Palazzo delle Aquile, la conversazione con Sabrynex e Caterina Bonvicini, ha portato a riflettere i presenti sulla schiavitù rispetto ai nuovi strumenti digitali che hanno reso grafomani la maggior parte delle persone. La stessa Sabrynex ha affermato di esserne dipendente.

Sabrynex è una scrittrice molto nota su Wattpad, una piattaforma digitale in cui si fa scrittura e si interagisce coi propri lettori. Proprio lei ha sostenuto che “usare i social è come creare una parte di me”, cosa che le ha permesso di raggiungere milioni di lettori adolescenti in tutto il mondo e di pubblicare il suo libro OVER – Un’overdose di te, edito dalla Rizzoli.

Riguardo Ylenia Nasti

Ylenia Nasti
Laureata all’Università di Palermo. Amo i libri, i paesaggi e la cucina siciliana

Leggi anche

Adriano Sofri racconta Kafka al Festival delle Letterature Migranti

Adriano Sofri presenta il suo ultimo libro “Una variazione di Kafka” al Festival delle Letterature Migranti. Durante la terza giornata della manifestazione Davide Camarrone, Direttore artistico dell’evento, dialoga con l’autore allo Steri, ragionando su...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *