Home / #ErsuCultura / Teatro Massimo. Inizia la stagione 2016 con lo sguardo ai giovani
Bozzetto di una delle scene dell'opera
Bozzetto di una delle scene dell'opera

Teatro Massimo. Inizia la stagione 2016 con lo sguardo ai giovani

Si aprirà giorno 28 gennaio con la prima del Götterdämmerung (Il Crepuscolo degli Dei) di Richard Wagner la stagione 2016 del Teatro Massimo di Palermo.

La stagione 2016

Una stagione densa di appuntamenti con 10 opere, 3 balletti, e 11 concerti che porterà in scena, tra i tanti autori, gli italiani Verdi, Donizetti, Rossini e Puccini, e gli stranieri Wagner, Bruckner, Čajkovskij, Handel e Mahler.

Una stagione, inoltre, attenta ai prodotti contemporanei, oltre che a quelli classici, che -solo dai titoli- si annuncia essere piena di appuntamenti imperdibili, per la cui consultazione complessiva il lettore può cliccare sulle seguenti voci. Stagione delle Opere e Balletti. Stagione Concerti.

La card Under35

Una stagione imperdibile, in modo particolare, per i giovani di età inferiore ai 35 anni per i quali si rinnova la possibilità di accedere ai benefici ottenibili grazie al tesseramento alla Card Under35 che ha tra i suoi più rilevanti vantaggi quello di ridurre significativamente il corso di partecipazione agli spettacoli con prezzi che variano dai 25 ai 10 euro. Per sapere tutto sulla Card clicca sopra il presente link.

La Card Under35, che ha un costo iniziale di 10 euro, rappresenta un’occasione straordinaria di apertura del teatro ai giovani che generalmente sono restii all’opera e alla musica classica per paura di confrontarsi con un prodotto lontano dalle loro esperienze culturali, e fors’anche dalle loro possibilità economiche.

La fondazione del Teatro Massimo in questo modo realizza il monito iscritto sul fregio del portico dell’edificio, “Vano delle scene il diletto ove non miri a preparar l’avvenire”. I vantaggi dell’Under35, infatti, rigenerano il pubblico e costituiscono una grande operazione di marketing nel medio e lungo periodo.

Il crepuscolo degli Dei

Il quarto dramma musicale del Ring wagneriano, che costituisce appunto l’ultimo atto della tetralogia de “L’Anello del Nibelungo”, andrà in scena il 28 e il 31 gennaio, il 2 e il 4 febbraio.

L’allestimento è nuovo e, come rivelano i bozzetti resi noti dal teatro (uno dei quali è riportato in apertura articolo), si collocherà in continuità con gli allestimenti delle precedenti giornate della tetralogia. Allestimenti tutti coordinati dal regista Graham Vick che tanto ha diviso il pubblico palermitano con le sue interpretazioni poco tradizionali e convenzionali. Messinscena affascinanti, le sue, che hanno avuto il grande merito di rendere godibile una storia, complessa, non meno che lunga, e di fornire infinite chiavi di lettura che rivelano l’immanenza del messaggio wagneriano.

Nell’attesa il teatro si prepara all’opera inaugurale con molte iniziative legate al Götterdämmerung:

Primo appuntamento sabato 16 gennaio alle ore 20.30, nella Sala ONU del teatro, con lo spettacolo “Ma davvero era sua zia? La Tetralogia come non ve l’hanno mai raccontata” del cantante e regista, Alfonso Antoniozzi. Il costo del biglietto per assistere allo spettacolo è 5 euro.

Il secondo evento, domenica 17 gennaio ale ore 16.00, sempre in Sala ONU, consisterà nella Presentazione e nella successiva proiezione del film  “La caduta degli dei” di Luchino Visconti. L’ingresso è libero fino all’esaurimento dei posti.

Mercoledì 20 gennaio alle ore 18 in Sala Onu si svolgerà la presentazione di Götterdämmerung a cura dell’Associazione Amici del Teatro Massimo.

Il 22 gennaio iniziano tre giorni di proiezioni in Sala Onu dei drammi del Ring precedenti. Il 22 si terrà la proiezione di Das Rheingold (L’oro del Reno) alle ore 17.00. Il 23 quella de Die Walküre (La Valchiria) alla stessa ora. E domenica 24 la proiezione di Siegfried (Sigfrido) alle ore 12.00.

L’ultimo di questi eventi sarà la presentazione di Götterdämmerung, le addensate ombre nei vividi colori che aprono gli abissi alla redenzione a cura dell’Associazione Amici della lirica Ester Mazzoleni presso Palazzo De Seta, Sala Florio, alle ore 17.00.

Riguardo Andrea Cannizzaro

Andrea Cannizzaro
Nato il 29 luglio 1994 a Palermo dove frequento il corso di studi in Giurisprudenza. La mia mail è andreacannizzaro94@gmail.com

Leggi anche

jpg manifesto definitivo

Coronavirus: È Online Il Bando Della Regione Per Gli Studenti Universitari Siciliani Fuorisede

E’ disponibile online il bando riservato agli studenti universitari e afam (conservatori e accademie) siciliani …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *