Home / #ErsuCultura / Teatro Massimo: inaugurata la nuova stagione con il Guillaume Tell
Teatro Massimo
Teatro Massimo

Teatro Massimo: inaugurata la nuova stagione con il Guillaume Tell

Martedì 23 gennaio il Teatro Massimo ha inaugurato la nuova stagione con l’opera Guillaume Tell, opera che per la prima volta a Palermo viene proposta nella versione originale in lingua francese, proprio in occasione del centocinquantesimo anniversario della morte di Gioachino Rossini.

Scena Guillaume TellL’inaugurazione della nuova stagione ha visto in scena il Guillaume Tell, ultima opera scritta da Gioachino Rossini per il pubblico del grande teatro. Nel 1828 il compositore pesarese aveva annunciato la sua nuova opera al padre in una lettera, ma non si era ancora ben definito il libretto. Successivamente la scelta cadde su un libretto composto da Étienne de Jouy nel 1826, tratto dall’omonima tragedia del drammaturgo tedesco Friedrich Schiller del 1804. A causa della salute cagionevole di de Jouy, Hippolyte Bis venne incaricato di continuare e modificare il libretto. L’opera andò in scena per la prima volta il 3 agosto 1829 al Théâtre de l’Académie Royale de Musique di Parigi.

WhatsApp Image 2018-01-24 at 11.21.17Divisa in quattro atti, l’opera è ambientata nel ‘300 in Svizzera ed il filo conduttore è il processo di liberazione del popolo svizzero dalla dominazione austriaca. Personaggio centrale è Guillaume Tell che dà il nome all’opera e che guiderà il suo popolo alla libertà. In tutta la storia egli manifesta il suo amore per la patria, tema cardine dell’opera. Le vicissitudini storico-politiche si intrecciano con la storia d’amore tra lo svizzero Arnold e l’austriaca Mathilde che, alla fine dell’opera ed in seguito all’uccisione del balivo Albrecht Gessler per mano di Tell e della vittoria dei confederati contro le truppe austriache, potranno sposarsi.
WhatsApp Image 2018-01-24 at 11.21.17.-

La regia di Damiano Michieletto, con le scene di Paolo Fantin, i costumi di Carla Teti e le luci di Alessandro Carletti, sotto la direzione di Gabriele Ferro, aggiunge la presenza di un personaggio muto, il Guglielmo Tell storico che, uscito dalle pagine di un fumetto, è l’unico ad indossare un abito medioevale.

Oltre alla famosa scena della mela, l’opera è conosciuta ed apprezzata in tutta il mondo per la sua celebre ouverture che sintetizza tutta la vicenda e che è stata interpretata con successo dall’Orchestra e Coro del Teatro Massimo.

Il Guillaume Tell verrà replicato al Teatro Massimo fino al 31 gennaio secondo il seguente calendario:

Sabato 27 gennaio alle ore 19.30;

Domenica 28 gennaio alle ore 17.30;

Martedì 30 gennaio alle ore 18.30;

Mercoledì 31 gennaio alle ore 18.30.

Per tutte le informazioni sui biglietti, consultare il seguente link: http://www.teatromassimo.it/calendario/opere/guillame-tell.html.

Riguardo Valeria Cannizzaro

Valeria Cannizzaro
Sono nata a Palermo nel 1992. Sono laureata in lingue, ho un master in Global Marketing e uno in Business Administration. Sono appassionata di eventi culturali, di libri e di cinema.

Check Also

Macchinari del Mulino.
Foto: esperonews.it

Inaugurato il Mulino Storico del Complesso monumentale di Sant’Antonino

Il Mulino Storico del Complesso monumentale di Sant'Antonino riapre i battenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *