Home / #CampusLife / Tasse universitarie, gli studenti sul piede di guerra
99ee318c-c212-4e59-91cc-a6e91e8047bc

Tasse universitarie, gli studenti sul piede di guerra

«Dopo la sentenza del TAR Sicilia n. 00275/2015 credevamo di aver messo una pietra tombale sul mancato esonero della tassa d’iscrizione e dei contributi universitari a carico degli studenti idonei e vincitori di borsa di studio, ma purtroppo non è stato così». A parlare sono le associazioni studentesche Coordinamento UniAttiva, Nuova Realtà Giovanile, Rete Universitaria Nazionale e Vivere Ateneo che continuano a battersi per la tutela del diritto allo studio e si fanno carico dell’organizzazione di un nuovo ricorso, totalmente gratuito, al fine di ristabilire il diritto al rimborso ad ogni studente.

 

Questa misura si ritiene necessaria dal momento che il Consiglio di Amministrazione dell’Università, con due distinte delibere del 9 giugno 2015, ha previsto il rimborso e l’esonero della tassa di iscrizione soltanto per gli studenti in fascia zero aventi una media voto di almeno 24/30.

«Tali delibere sono del tutto inaccettabili» continuano i rappresentati, «pertanto noi, associazioni studentesche, ci impegneremo per portare a termine questa battaglia».

 

E Alberto Firenze, presidente dell’Ersu, cerca di fare dialogare gli studenti con Unipa, facendosi carico di rappresentare le posizioni degli studenti e delle associazioni che li tutelano, affinché le richieste effettuate possano essere discusse nella direzione di una soluzione positiva.

 

«E’ ora di coinvolgere la popolazione studentesca, protagonista e vittima di tali deliberazioni -gridano le associazioni- dunque, giovedì 1 Ottobre alle ore 17.00, presso l’aula F120 (Ingegneria) è indetta l’assemblea che vedrà la partecipazione dell’Avv. Francesco Leone. Durante tale assemblea approfondiremo e chiariremo i termini e le modalità del nuovo ricorso presentato ed inviteremo gli studenti a sottoscrivere lo stesso gratuitamente. Tale sottoscrizione potrà risultare necessaria per beneficiare dell’eventuale rimborso».

Riguardo Gaia Butticè

Gaia Butticè
Nata ad Agrigento il 12/03/1991, vivo tra Favara e Palermo. Ho una laurea in Lettere e sono al momento iscritta al secondo anno di Filologia moderna e italianistica

Leggi anche

Locandina Casasco

La Medicina dello Sport in Italia e in Europa: presente e futuro

Maurizio Casasco, presidente della Federazione Medico Sportiva italiana (FMSI) nonché della Federazione Europea EFSMA (European Federation of Sports Medicine Associations) a Palermo il 12 novembre 2019

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *