Home / #IoDicoLaMia / Solo un laureato su due lavora dopo tre anni
striscione

Solo un laureato su due lavora dopo tre anni

Solo un ragazzo italiano su due trova lavoro entro i primi tre anni dalla laurea. Questo dato sui laureati in relazione all’occupazione, risultato dalle statistiche Eurostat, è il peggiore dell’Unione europea dopo quello della Grecia.

Secondo le analisi dell’Eurostat riferite all’anno 2014, la media dei laureati che risultano occupati entro i tre anni dalla laurea è dell’80,5% contro il 52,9% dell’Italia. La situazione italiana preoccupa ancora di più a confronto con la percentuale del 93,1% della Germania. In Italia, poi, per i diplomati la situazione è ancora peggiore: solo il 30,5% risulta occupato a tre anni dal titolo contro il 59,8% medio dell’Unione europea e il 67% della Germania. In Italia, però la percentuale migliora un poco, salendo al 40,2%, fra i diplomati degli istituti professionali.

I ragazzi italiani di età compresa fra i 20 e i 34 anni che hanno completato un percorso formativo e che hanno trovato una occupazione nel 2014 sono appena il 45% contro il 76% medio in Europa. Il dato italiano, inoltre, è lontato da quello tedesco che è del 90%, dall’83,2% britannico e dal 75,2% francese.

La crisi economica e le riforme pensionistiche, che hanno tenuto a lavoro la fascia di età più anziana, hanno certamente complicato la situazione. Fra il 2008 e il 2014 in alcuni dei Paesi europei la media di giovani occupati a tre anni dalla laurea è scesa di otto punti, dall’82% al 76%. In particolare, in Italia il crollo è stato addirittura di oltre venti punti passando dal 65,2% al 45%. Nello stesso periodo, in Francia la percentuale è passata dall’83,1% al 75,2%, nel Regno Unito è rimasta quasi del tutto invariata a circa l’83%, mentre in Germania il trend è stato opposto: la percentuale è cresciuta dall’86,5% al 90%.

In genere, nei Paesi dell’Unione europea i tassi di occupazione dei laureati sono superiori rispetto a quelli dei ragazzi che si sono fermati al diploma. L’Italia, comunque, è in ritardo sia sull’occupazione dei diplomati che su quella dei laureati. Il nostro Paese, inoltre, si è aggiudicato anche la maglia nera per l’educazione terziaria (dalla laurea breve al dottorato) con il 23,9% di laureati nella fascia di età fra i 30 e i 34 anni.

Riguardo Marta Silvestre

Marta Silvestre
Laureata in Scienze filosofiche presso l’Università Roma Tre, ho frequentato la Scuola di Giornalismo Lelio e Lisli Basso - “Inchieste, questioni internazionali, ambiente e beni comuni”. La passione per il giornalismo nasce dalla volontà di poter dar voce a realtà altrimenti destinate a rimanere non raccontate. Ho maturato esperienze di lavoro come redattrice di vari giornali locali, raccontando in particolare vicende legate ai temi di mafia e antimafia. Durante l’ultimo anno ho svolto un tirocinio presso la redazione di cronaca e giudiziaria dell’agenzia di stampa AdnKronos e uno stage nella redazione di Sky Tg24. Attualmente collaboro anche con Italpress e Meridionews.

Leggi anche

Un mercoledì di terrore in Vucciria

Vucciria, violenza gratuita sui giovani universitari

Un mercoledì sera in Vucciria si trasforma in una notte di terrore per un gruppo di studenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *