Home / #CampusLife / Sicily Foreign Students, l’associazione che accoglie gli studenti stranieri

Sicily Foreign Students, l’associazione che accoglie gli studenti stranieri

Sono tanti gli studenti stranieri che ogni anno arrivano a Palermo per studiare ad Unipa. Riuscire ad orientarsi all’inizio, però, può risultare difficoltoso. Per questo, ad accoglierli ci pensa Sicily Foreign Students, l’associazione degli Studenti Stranieri in Sicilia. Nata nel 2010, mira a dare un supporto concreto ai ragazzi, appoggiandoli durante il loro percorso di studi. La buona riuscita di questo progetto è dovuto anche al sostegno della dottoressa Bijou Nzirirane, fondatrice dell’associazione, la quale, già sei anni fa, riteneva che l’aumento del numero degli studenti stranieri stesse creando una grande famiglia multiculturale all’interno dell’ateneo palermitano.
I ragazzi svolgono ogni giorno numerose attività associative, guidando e fornendo informazioni utili a chi è appena arrivato a Palermo. Si propongono, inoltre, come punto di incontro e di aggregazione per promuovere scambi interculturali ed iniziative che favoriscano il dialogo e il confronto, tenendo sempre come punto di riferimento il rispetto di ogni cultura per raggiungere l’obiettivo della piena integrazione nella vita universitaria.
“Lo scopo è l’accoglienza – afferma Ardita Pirevice presidente dell’associazione Sicily Foreign Students – noi studenti stranieri con qualche anno di esperienza in più, aiutiamo i nuovi arrivati nella vita di ogni giorno e nello studio. Abbiamo anche una squadra di calcio che gioca, tra le altre, con le squadre della polizia di Monreale e partecipa a vari tornei”.
L’associazione collabora a stretto contatto con il COTlo Sportello di Orientamento e Accoglienza per gli Studenti Stranieri e ITASTRA, la scuola di lingua italiana per stranieri, due realtà che, insieme, hanno migliorato la vita dello studente estero all’Università degli Studi di Palermo.
“Bijou Nzirirane, e Cristiana Gioè, entrambe operatrici presso lo Sportello di Orientamento e Accoglienza Studenti Stranieri – continua Ardita Pire – seguono i ragazzi a 360 gradi, aiutandoli sia con i documenti relativi al permesso di soggiorno, che con quelli necessari per iscriversi all’Università. Ci seguono, inoltre, in ogni passo della nostra vita sociale, infatti è grazie a loro che oggi noi siamo una famiglia. Itastra, invece, è fondamentale soprattutto all’inizio – conclude Ardita – quando ancora si hanno difficoltà a parlare l’italiano.”
Ad aver una funzione sociale importante sono le feste di benvenuto, iniziativa nata per far percepire ai nuovi di aver trovato una famiglia multiculturale pronta a sostenerli e accompagnarli fino alla laurea. Sono serate in cui musiche, danze e sapori si uniscono per dar vita a quella multiculturalità degna delle grandi metropoli internazionali che arricchisce chi ne fa parte. Si impara a salutare in nuove lingue, si assaggia cibo originario di ogni parte del mondo e si stringono forti legami di amicizia.

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

20 anni di Banco Alimentare a Palermo, un evento presso la Missione Speranza e Carità

Storia, volti, fatti e ricordi di venti anni di solidarietà

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *