Home / #CampusLife / Si prepara a Palermo la Notte Europea dei Ricercatori
xbanner-sharper2.jpg,q__scale=w,3A1140,,h,3A350,,t,3A2,,q,3A70.pagespeed.ic.wZpZkqMpIw

Si prepara a Palermo la Notte Europea dei Ricercatori

Si svolgerà venerdì 28 settembre la Notte Europea dei Ricercatori: la cosiddetta SHARPER, “Sharing Researchers’ Passion for Engagement and Responsibility”.

La Notte dei Ricercatori è un progetto promosso ormai da più di dieci anni dalla Commissione Europea. Si svolge ogni anno l’ultimo venerdì di settembre in tutta Europa, coinvolgendo circa trenta Paesi dell’Unione Europea e oltre trecento città. Ad aderire all’iniziativa sono infatti, oltre ai curiosi che vogliono passare una serata tra scienza e divertimento, migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca dell’UE.

L’obiettivo cui mira l’iniziativa è la diffusione della cultura scientifica e la promozione delle professioni di ricerca. Un importante luogo di incontro tra ricercatori e società civile che sarà ricco di attività dedicate a scienza, tecnologia e innovazione: esperimenti, dimostrazioni scientifiche, conferenze, dibattiti pubblici, seminari conoscitivi, mostre, visite guidate e spettacoli.

La manifestazione è un progetto interregionale, infatti avrà luogo simultaneamente in undici città italiane (Ancona, Cagliari, Catania, L’Aquila, Macerata, Napoli, Nuoro, Palermo, Pavia, Perugia, Trieste), non a caso essa è dotata di un ampio partenariato composto da oltre un centinai fra enti culturali, comuni, istituti di ricerca, università, imprese e associazioni.

images-1

 

A Palermo l’evento si terrà a partire dalle 19 alle 24 del 28 settembre all’Orto Botanico (via Lincoln, 2), struttura parte del (SiMuASistema Museale di Ateneo dell’Università degli Studi di Palermo, al Museo di Zoologia “P. Doderlein”, presso Ballarak Magione, all’Ex Mulino Sant’Antonino ed ai Cantieri Culturali Alla Zisa.

L’Università degli Studi di Palermo prenderà parte all’evento, coordinando un gruppo formato dai propri Dipartimenti, dal Consorzio ARCA, dall’AIRC, dal CNR-Palermo (Istituto di Biomedicina e Immunologia Molecolare, Istituto per lo Studio dei Materiali Nanostrutturati, Istituto di Biofisica), dall’Istituto Nazionale di Astrofisica – Osservatorio Astronomico di Palermo, dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, dall’istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica, dalle associazioni PalermoScienza, GEODE, Natura Vivente, AstridNatura, la Fondazione Ri.MED – ISMETT.

Riguardo Salvatore Casarrubea

Salvatore Casarrubea
Classe '94, diplomato al Liceo Classico, attualmente frequento la facoltà di Giurisprudenza. Mail: salvocasarrubea@gmail.com

Check Also

Uniroom, il nuovo portale che aiuta gli studenti a trovare un alloggio

Due giovani studenti di Economia e Finanza hanno ideato Uniroom, un portale che facilita e velocizza la ricerca di un alloggio per i giovani fuori sede.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *