Home / #FLMPa / Sciascia: l’eco di un grande scrittore al Festival delle letterature migranti
Archivio Storico comunale

Sciascia: l’eco di un grande scrittore al Festival delle letterature migranti

Ieri pomeriggio al Festival delle letterature migranti l’argomento centrale è stato Leonardo Sciascia, nato a Racalmuto l’8 gennaio 1921.

Archivio Storico comunaleL’incontro, moderato da Beatrice Agnello e svoltosi ieri presso l’Archivio Storico Comunale, doveva essere un confronto tra Maria Rizzarelli, docente di Letteratura contemporanea e arti visive all’Università di Catania, e Roberto Andò, ma quest’ultimo, impegnato a Roma per un film, ci ha lasciato un breve filmato in cui ha parlato dello scrittore. Si è soffermato sul rapporto di amore e odio che Sciascia aveva con Palermo, ripercorrendo alcuni momenti centrali della sua vita e ponendo enfasi sul momento in cui lo lo scrittore di Racalmuto scelse Palermo e si trasferì a Villa Sperlinga, nonostante il suo amore per la villa Liberty in via Dante. Sciascia amava Palermo e amava i taxi in un’epoca in cui nessuno li amava.

Maria Rizzarelli e Beatrice Agnello
Maria Rizzarelli e Beatrice Agnello

Era tanto geniale quanto contraddittorio. Durante l’incontro ci siamo soffermati su un aspetto importante della letteratura sciasciana: il suo rapporto con le immagini. L’opera di Rizzarelli, intitolata Sorpreso a pensare per immagini. Sciascia e le arti visive, riflette sul rapporto dell’autore con le immagini. L’autore, infatti, nel corso della sua vita si dedicò all’analisi della pittura e fu introduttore di cataloghi artistici. Inoltre, Sciascia pensava ai suoi libri già “vestiti” quando lavorava per la casa editrice Sellerio perché si occupava personalmente di sceglierne le copertine. La modernità di Sciascia non sta soltanto nell’aver rivalutato l’importanza delle immagini, ma per aver dimostrato come parole e immagini possano realmente coesistere e stare insieme allo stesso livello, creando una realtà unica nelle sue opere. Lo studio di Rizzarelli evidenzia come nelle opere narrative e nei romanzi “polizieschi” in particolare, le immagini non rappresentano citazioni inerti, ma fungono da tessere incastonate con eleganza nel mosaico del racconto.

Riguardo Valeria Cannizzaro

Valeria Cannizzaro
Sono nata a Palermo nel 1992. Sono laureata in lingue, ho un master in Global Marketing e attualmente frequento un master in Business Administration. Sono appassionata di eventi culturali, di libri e di cinema.

Check Also

22323504_10214694430424175_499473341_n

Pace e diritti umani nel Mediterraneo, riflessioni e dibattiti al Festival delle Letterature Migranti

Al termine dell'incontro è stata lanciata una petizione con la richiesta di intervento delle Nazioni Unite affinché si istituisca una commissione di inchiesta sul trattenimento dei migranti nei campi libici e sulla verifica dell'effettivo rispetto dei diritti umani.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *