Home / #ErsuCultura / A Palazzo Abatellis un’opera artistica per non vedenti
palazzo abatellis
foto: regione.sicilia.it

A Palazzo Abatellis un’opera artistica per non vedenti

Un percorso tattile per dare la possibilità a tutti di fruire delle bellezze artistiche siciliane. Con quest’intento il Rotaract Club Palermo Agorà donerà un’opera artistica per non vedenti alla Galleria Regionale di Sicilia di Palazzo Abatellis. Si tratta di una copia del celebre busto di Eleonora d’Aragona, piccolo gioiello dell’isola realizzato da Francesco Laurana intorno al 1468. Assieme ad esso verrà collocata una targa in braille che racconterà la storia dell’opera.
La cerimonia di inaugurazione avverrà mercoledì 22 giugno alle ore 18.00 presso Palazzo Abatellis, alla presenza di Carlo Vermiglio, assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Gioacchino Barbera, direttore della Galleria Regionale della Sicilia e di Conny Catalano, presidente del Rotaract Club Palermo Agorà.
L’iniziativa è stata resa possibile grazie alle varie raccolte fondi organizzate dai soci del club rotaractiano, avvenute durante l’intero anno sociale, che hanno permesso di donare quest’opera che, ci si augura, abbia una funzione apripista a Palermo. In Europa e in Italia, infatti, sono molti ormai i musei che si stanno dotando di questo tipo di supporti, la speranza è che presto aumenteranno anche in Sicilia sulla scia del Museo Mandralisca di Cefalù che possiede già un percorso tattile per i suoi reperti archeologici.
La realizzazione della copia del busto è avvenuta a seguito di rilievi fotogrammetrici effettuati sull’originale che poi sono stati rielaborati al computer e stampata in PLA, una plastica derivata dal mais, usando la stampa 3D e raggiungendo altissimi livelli di precisione e definizione dei dettagli.

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

foto presentazione progetto 2

Al via il Programma Speciale per l’Istruzione e la Formazione negli Istituti Penitenziari Minori

Nella Sala Padre Pino Puglisi del Centro di Giustizia è stato presentato, con grande attenzione dei presenti, il “Programma speciale per l’istruzione e la formazione negli Istituti Penitenziari e nei Servizi Minorili della Giustizia”, che prende a cuore il reinserimento nella società dei giovani che scontano una pena, attraverso l’istruzione e la formazione, tenendo conto dei loro contesti sociali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *