Home / #EfeboCorto / Rosalia Le Calze presenta ‘War’s Sunrise’
12380694_1085167564840202_1473347470_o

Rosalia Le Calze presenta ‘War’s Sunrise’

La guerra cambia le persone…o le rivela. In guerra non ci sono buoni, non ci sono eroi. È questo il messaggio di ‘War’s Sunrise’, la web serie presentata dalla palermitana Rosalia Le Calze.

Il pomeriggio del 15 dicembre, nel salone multimediale della residenza San Saverio e in occasione dell’Efebo Corto Film Festival, la giovane ha avuto modo di presentare il suo nuovo e ambizioso progetto, che la vede impegnata dal 2014.

È una studentessa di 27 anni, laureata al DAMS e non alla prima esperienza con le web series: di successo infatti il suo primo lavoro, Shadows of the plague.

War’s Sunrise è un lavoro ‘0 budget’ , autoprodotto e autofinanziato. «Ho cominciato con una reflex poi piano piano ho comprato un po’ di attrezzatura. Mi faccio bastare ciò che ho, e con attenzione e cura può comunque riuscire un ottimo lavoro».

Ma cosa sono le web series?
Sono episodi seriali, nati per il web e fruibili su varie piattaforme come youtube, Instagram, Vimeo. Funzionano come le serie televisive ma non seguono standard di strutture e tempo, hanno una maggiore libertà. Permettono ai giovani di farsi conoscere, e garantiscono continuità. 

Come si produce ‘0 budget’? Si chiede la collaborazione gratuita, si confida nell’aiuto disinteressato. E poi aiutarci garantisce un ritorno di immagine, visibilità, successo. Pure il sindaco Orlando ci ha appoggiati perché ha creduto nel progetto. È presente infatti in una scena. Collaborano anche i ragazzi del club Spectre Palermo Softair.

«Abbiamo creduto nel progetto di Rosalia -dice Angelo Di Girolamo- partecipiamo come attori e se ci accorgiamo  di alcune imprecisioni nelle riprese, l’aiutiamo a far sì che possa essere un prodotto più ‘vero’ possibile».

Presente all’incontro Nicolò Cappello, direttore alla fotografia. Il suo ruolo è fondamentale nella web serie. Si occupa dell’immagine del film e dell’estetica, delle luci che marcano le situazioni e creano le atmosfere, necessario, dunque, per fare un buon lavoro.

«È grazie al mio primo progetto che adesso posso rimettermi in gioco avendo acquistato la credibilità e il rispetto del pubblico- conclude Rosalia Le Calze- Spero di riuscire nell’impresa di mettere in rete War’s Sunrise entro marzo 2016, ma le difficoltà non sono poche».

Il Trailer di War’s Sunrise

Riguardo Gaia Butticè

Leggi anche

i vincitori di 72 ore film project provenienti da Catanzaro

I vincitori dell’Efebo Corto Festival 2015: i “GR3D” si raccontano

Grande successo per i vincitori dell’11ª edizione dell’Efebo Corto Festival 2015. Il cortometraggio che ha …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *