Home / #DopoLaurea / RollingBone: il gioco per il miglior amico dell’uomo
Immagine

RollingBone: il gioco per il miglior amico dell’uomo

Cosa succede quando il proprio cane rimane da solo in casa? E’ questa la domanda che si è posto il giovane riberese Francesco Pepe, laureatosi presso l’Università di Palermo lo scorso marzo di quest’anno, il quale ha presentato come tesi di laurea l’innovativo progetto del RollingBone.

L’intento era quello di creare un gioco per cani, diverso dai normali ossi, palline o corde, i quali vengono distrutti in pochissimo tempo, e che doveva essere in grado di coinvolgere totalmente il cane costretto a rimanere in solitudine all’interno delle mura domestiche.  Si tratta di un vero e proprio osso gommoso per cani, dotato di un apposito motore che permette a questo di muoversi lungo le mura domestiche. All’interno di RollingBone è possibile inserire croccantini o bocconcini, i quali saranno rilasciati dallo stesso giocattolo come ricompensa una volta che il nostro amico a quattro zampe sarà riuscito ad acchiappare l’osso. Ciò che ha ispirato Francesco è stato il suo amore profondo per gli animali, avendo lui stesso un cane boxer in casa. L’intento che ha spinto l’ideazione del progetto è stato rendere la vita dell’animale il più piacevole possibile, gratificarlo e renderlo sempre attivo nell’arco dell’intera giornata, soprattutto quando non vi è l’occhio vigile del padrone in grado di tenere tutto sotto controllo.

Le funzionalità sono diverse. RollingBone è in grado di muoversi autonomamente, in maniera lineare o a zig-zag. Il cane sarà così istintivamente stimolato all’inseguimento del giocattolo, che cambierà sempre le modalità di movimento. Per evitare che il cane si stanchi troppo, una volta attivato il giocattolo si muoverà per cinque minuti, seguito da una pausa di due. In questo modo, il cane potrà godersi la sua meritata ricompensa e le batterie non si scaricheranno troppo in fretta.

Mi piacerebbe – sottolinea Francesco Pepe – un giorno vederlo in produzione, e non solo per avere una gratificazione a livello economico, ma soprattutto a livello personale, un piacere indescrivibile.”

 

 

 

Riguardo Mariacarmela Misuraca

24 anni, Ribera. Laureata in Studi Filosofici e storici presso l'Università di Palermo. Attualmente sono laureanda in Scienze filosofiche.

Leggi anche

ela_3_0

Autorità europea del Lavoro, al via il reclutamento di personale

La Commissione europea ha aperto il sito Internet dell’Autorità europea del lavoro (ELA) e ha avviato la …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *