Home / #ErsuCultura / Ritorna il Festival delle Letterature Migranti: 90 incontri dedicati a musica, cinema, arte e letteratura

Ritorna il Festival delle Letterature Migranti: 90 incontri dedicati a musica, cinema, arte e letteratura

Anche quest’anno Palermo si prepara ad accogliere il Festival delle Letterature Migranti, iniziativa a carattere culturale giunta ormai alla sua quarta edizione. La manifestazione, entrerà nel vivo dal 17 al 21 ottobre, comprendendo degli eventi che arricchiranno il palinsesto nei giorni 15, 16 e 22 ottobre.

Il programma è stato presentato durante la conferenza stampa tenutasi nei giorni scorsi a Villa Niscemi alla presenza del Sindaco Leoluca Orlando – “Si tratta di un festival della letteratura e dell’arte che, nella migrazione, intesa come viaggio e incontro, trovano la propria anima di essenza ed espressione dell’essere umano e del suo essere individuo in una comunità in continua evoluzione – ha dichiarato Orlando – c’è un processo di contaminazione positiva, infatti, il festival ha aiutato la notifica di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.”

Tanti i protagonisti di quest’edizione, tra cui Andrea Segre, Adriano Sofri, Yanis Varoufakis, François Beaune, Paolo Di Stefano, Valeria Luiselli, Nasim Marashi, Tamta Melašvili, Charif Majdalani, Vladimir Sorokin e tanti altri. Un calendario che si preannuncia fitto di appuntamenti con autori provenienti da numerosi paesi del mondo.

“Inizieremo con Shoah di Claude Lanzmann, un autore di grande sensibilità poetica scomparso poche settimane fa. Si continuerà con un concerto al Teatro Massimo e, a seguire, un assolo di Aldo Mausner  – ha affermato Davide Camarrone, direttore artistico del Festival – a chiudere la manifestazione, ancora una volta al Massimo, ci sarà un esperimento di sonorizzazione in presa diretta di Intolerance, il capolavoro di David W. Griffith. Il festival – ha concluso Camarrone – sarà raccontato in maniera digitale attraverso la piatta forma on line di Iostudionews.it”.

Si tratta di un evento che ricopre un grande rilievo in una città che, da sempre, è stata crocevia di diversi popoli. “Lo scenario perfetto per un festival del genere non può che essere Palermo – ha affermato Sandro Pappalardo, Assessore regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo – città che ha accolto e continua ad accogliere diverse culture. La Sicilia rivendica con orgoglio il ruolo di protagonista nell’area mediterranea e queste iniziative culturali contribuiscono ad una crescita collettiva che la Regione e l’intero governo siciliano intende sostenere e agevolare affinché l’isola sia sempre più punto di riferimento per i grandi eventi internazionali”.

Saranno 90 gli incontri dedicati al cinema, al teatro, alla musica, all’arte contemporanea, mentre saranno presentati 40 libri contenuti in 8 scatole narrative. Fra presentazioni di libri, approfondimenti, workshop, laboratori, mostre, proiezioni, tavole rotonde e performance, il festival  è un’occasione unica in cui le culture si incontreranno in 9 punti della città tra i quali il Complesso monumentale dello Steri, il Teatro Massimo, il Museo archeologico Salinas e il teatro Biondo.

La manifestazione è patrocinata del Parlamento europeo e promossa da Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018, dall’Associazione Festival delle Letterature Migranti, dal Comune di Palermo, dalla Regione Siciliana, dall’Università degli Studi di Palermo, dall’ERSU e da numerosi altri enti pubblici e privati.

Per maggiori informazioni e per visualizzare il programma del festival è possibile consultare il sito.

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

primavera shima

La pianista Primavera Shima per l’ultimo concerto della stagione di Palermo Classica

Per la rassegna invernale “Passione e Impeto” di Palermo Classica, domenica 7 aprile alle ore 19.15 si terrà il concerto della pianista Primavera Shima, acclamata pianista australiana di fama internazionale, che chiuderà la stagione. Interprete di raffinata tecnica, virtuosismo e riflessione, eseguirà un programma dedicato a P.I. Tchaikovsky, S. Rachmaninov e F. Liszt/Wagner. La rassegna“Passione e Impeto” , in programma dal 16 dicembre al 7 aprile 2019, si svolge all’interno dell’Auditorium San Mattia dei Crociferi, in via Torremuzza 29 alla Kalsa. La chiesa, con l’annesso convento, fu edificata nel 1686 da Giacomo Amato, per i Padri Crociferi, ed è disposta su un lotto stretto e lungo. Il prospetto sulla via Torremuzza unisce al rigore tardo-rinascimentale il vigore plastico delle membrature in pietra; sopra il portale principale è un medaglione con l’immagine in stucco di S. Mattia. Presenta una forma particolarmente rara: ha pianta ottagonale coperta da grande cupola. L’edificio conventuale e la chiesa, dal 1886 sono passati di proprietà al Comune e sono stati adibiti ad uffici, oltre ad ospitare mostre ed eventi culturali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *