Home / #ErsuCultura / Il Rigoletto di John Turturro incanta il Teatro Massimo
Teatro Massimo

Il Rigoletto di John Turturro incanta il Teatro Massimo

Ha debuttato sabato 13 ottobre il Rigoletto portato in scena dal regista e attore John Turturro nella splendida cornice del Teatro Massimo, il terzo teatro più grande d’Europa e il più grande edificio teatrale lirico d’Italia.

Scena 1 RigolettoDa giorno 13 al 21 ottobre il Teatro Massimo di Palermo ospita uno dei più grandi capolavori verdiani: Rigoletto. Si tratta di un’opera in tre atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, tratta dal dramma di Victor Hugo Le Roi s’amuse (“Il re si diverte”).  Il dramma di Hugo non piacque al pubblico dell’epoca perché criticava senza mezze misure lo sfarzo e la corruzione della corte francese di Francesco I. Verdi decise allora di ambientare la storia alla corte di Mantova (non più esistente) e di far vestire al duca di Mantova i panni del re di Francia.

In una lettera a Piave, Verdi aveva già in mente l’idea che il titolo doveva evocare: «In quanto al titolo quando non si possa tenere Roi s’amuse che sarebbe bello… il titolo deve essere necessariamente La Maledizione di Vallier, ossia per essere più corto La Maledizione. Tutto il soggetto è in quella maledizione che diventa anche morale. Un infelice padre che piange l’onore tolto alla sua figlia, deriso da un buffone di corte che il padre maledice, e questa maledizione coglie in una maniera spaventosa il buffone, mi sembra morale e grande, al sommo grande».  Alla fine Verdi scelse come titolo Rigoletto (dal francese rigoler, “ridere”, “divertirsi”) mettendo quindi al centro non il re ma il buffone di corte. La storia è infatti incentrata sulla figura di Rigoletto, buffone di corte, ed è ambienta nella città di Mantova nel XVI secolo.Scena 2 Rigoletto

Rigoletto ha una figlia “segreta” che tutti pensano in realtà sia l’amante, Gilda. Crudele con tutti, Rigoletto si dimostra un padre premuroso nei confronti della figlia che tenta in tutti i modi di allontanare dalla corruzione della corte. Il destino vuole però che il duca di Mantova si innamori proprio di Gilda. Rigoletto, furioso, pagherà un bandito per uccidere il duca ma a morire sarà invece l’amata figlia.

Scena 3 RigolettoAlla prima di sabato spiccava Maria Grazia Schiavo, applauditissima al debutto nel ruolo di Gilda. Accanto a lei George Petean nelle vesti di Rigoletto e Ivan Ayon Rivas, chiamato a cantare alla prima per sostituire Giorgio Berrugi per il ruolo del Duca di Mantova.

 

 

L’opera andrà in scena con il seguente calendario:

Martedì 16 ottobre 2018, ore 18:30
Mercoledì 17 ottobre 2018, Turno B ore 18:30
Giovedì 18 ottobre 2018, Turno F ore 20:30
Venerdì 19 ottobre 2018, Turno C ore 18:30
Sabato 20 ottobre 2018, Turno Fuori Abbonamento ore 20:30
Domenica 21 ottobre 2018, Turno D ore 17:30

I biglietti possono essere acquistati online o presso la biglietteria del Teatro Massimo.

Per ulteriori informazioni, consultare il sito ufficiale del teatro.

Riguardo Valeria Cannizzaro

Valeria Cannizzaro
Sono nata a Palermo nel 1992. Sono laureata in lingue, ho un master in Global Marketing e uno in Business Administration. Sono appassionata di eventi culturali, di libri e di cinema.

Leggi anche

DSC01902

Diego Spitaleri in concerto per presentare l’evento “Le Mani nel Jazz”

“Un evento nell’evento” quello proposto all’interno dell’iniziativa “Le Mani nel Jazz” con il concerto del musicista palermitano Diego Spitaleri che si esibirà al Real Teatro Santa Cecilia il 20 ottobre alle ore 19.00 assieme ai suoi amici Maestri della Fondazione the Brass Group. Con lui sul palco Vito Giordano solista dell’Orchestra Jazz Siciliana del Brass e Direttore della Scuola Popolare di Musica, Carmen Avellone, Giuseppe Costa, Fabio Lannino e l’allievo della Scuola Popolare di Musica del Brass Ciccio Foresta. Durante l’esibizione verrà proiettato un video che riprende i quadri appartenenti alla mostra “Le Mani nel Jazz” di Massimo Moavero, designer ed artista palermitano. L’amicizia tra Spitaleri e Moavero è di lunga data e per tale ragione i due artisti si sono uniti per realizzare un evento all’insegna dell’arte musicale e figurativa. Una passione dettata dalle note musicali che si concretizza grazie al concerto che Spitaleri dedicherà al pubblico presente con il contributo dei suoi amici musicisti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *