Home / #FLMPa / Riflessioni sul concetto di periferia all’interno del FLM
Archivio storico comun

Riflessioni sul concetto di periferia all’interno del FLM

La quinta e ultima giornata del Festival delle letterature migranti si è aperta con l’incontro “Zona espansione Nord: la città e il suo fantasma” presso l’Archivio storico comunale.

Archivio storico comunLa riflessione è partita ponendo l’attenzione sul concetto di periferia che, secondo Salvatore Cavaleri, possiede degli stereotipi maggiori rispetto a quelli legati alle tematiche dell’immigrazione. È possibile rintracciare delle analogie fra gli immigrati di seconda generazione e gli abitanti delle periferie, poiché in entrambi i casi è possibile applicare una chiave di lettura post-coloniale. L’immigrato di seconda generazione ha una forte identità con la sua terra di origine, mentre l’abitante della periferia ha una forte identificazione con il suo quartiere di appartenenza. Si delinea così un nesso fra periferia e frontiera che è rappresentato dal margine. Esso tradizionalmente rappresenta il punto fondamentale per capire e delineare il centro, ma sarebbe opportuno effettuare una variazione di tendenza: non bisogna capire una città partendo dal centro ma dalla sua periferia. Non capiamo se la casa è pulita guardando il tappetto ma guardando sotto di esso.

Salvatore Cavaleri e Grazia Bucca
Salvatore Cavaleri e Grazia Bucca

Quando parliamo di “città e il suo fantasma”, non dobbiamo pensare che il fantasma sia la periferia bensì il centro. Le periferie hanno tratti distintivi, mentre i centri sono omogenizzati. Ecco perché diventa fondamentale decifrare la città dai suoi conflitti periferici. L’incontro si è concentrato su una riflessione sul quartiere dello Zen che, a volte, viene visto come estraneo alla città. In realtà, lo Zen non è qualcosa a parte, ma può essere la cristallizzazione di alcuni conflitti che riguardano la città. Nella seconda parte dell’incontro la parola è stata affidata a Grazia Bucca, affermata fotografa del sociale, che ha raccontato un momento di conflitto dello Zen avvenuto nel 2010, anno in cui alcune case erano state occupate prima ancora della loro ultimazione in quello che è stato poi chiamato Insula 3. Il 2010 è stato l’anno degli sgomberi, del conflitto, della presenza delle forze di ordine. Il lavoro della fotografa è iniziato proprio in quel periodo, muovendosi tra la gente del posto per cercare di capire la vera motivazione di quegli occupanti che avevano soltanto un desiderio: avere una casa. Oggi l’amministrazione comunale ha cambiato il nome del quartiere in San Filippo Neri ma questo non ha cambiato le cose. Anche se il quartiere noto come Zen 2 è stato coinvolto nel progetto Piano City, nulla è cambiato. Lo Zen rimane nascosto. L’incontro si è concluso con un messaggio di speranza invitando tutti noi a non stigmatizzare né a restare passivi. Ci vuole soltanto più impegno nel sociale.

Riguardo Valeria Cannizzaro

Valeria Cannizzaro
Sono nata a Palermo nel 1992. Ho conseguito la laurea magistrale in lingue nel 2016. Ho un master in Global Marketing, Comunicazione e Made in Italy e attualmente frequento un master di secondo livello in Business Administration. Nutro un forte interesse per il marketing e per la comunicazione.

Check Also

22323504_10214694430424175_499473341_n

Pace e diritti umani nel Mediterraneo, riflessioni e dibattiti al Festival delle Letterature Migranti

Al termine dell'incontro è stata lanciata una petizione con la richiesta di intervento delle Nazioni Unite affinché si istituisca una commissione di inchiesta sul trattenimento dei migranti nei campi libici e sulla verifica dell'effettivo rispetto dei diritti umani.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *