Home / #DopoLaurea / Resto al Sud, nuovi incentivi ai giovani per fare impresa nel Mezzogiorno
resto al sud

Resto al Sud, nuovi incentivi ai giovani per fare impresa nel Mezzogiorno

di Giorgia Costanzo

Con una dotazione finanziaria di 1,25 milioni di euro RESTO AL SUD è l’incentivo di Invitalia, che sostiene l’avvio di nuove attività imprenditoriali di giovani under 36 residenti nel Mezzogiorno, per poter permettere agli stessi di costruire un futuro laddove si è nati e cresciuti.

CHI PUO’ FARE DOMANDA
Possono partecipare al bando i giovani tra i 18 e i 36 anni residenti nel Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) purché: non siano titolari di altre imprese attive; non abbiano un lavoro a tempo indeterminato (requisito acquisibile anche successivamente all’esito positivo della valutazione della domanda); non abbiano ottenuto altre agevolazioni negli ultimi tre anni.

Inoltre, possono fare richiesta anche i non residenti in una delle otto regioni del Mezzogiorno purché si trasferiscano dopo l’esito positivo della valutazione.
E’ possibile avviare attività imprenditoriali relative alla produzione di beni nei settori dell’artigianato, dell’industria, della pesca e dell’acquacoltura o attività imprenditoriali relative alla fornitura di servizi compresi quelli turistici (escludendo le attività libero professionali, l’agricoltura e il commercio) e il finanziamento massimo per ogni richiedente è di 50mila euro, che può arrivare ad un massimo di 200mila euro in caso di almeno quattro persone richiedenti già costituite in società o prossime alla costituzione.

La misura RESTO AL SUD finanzia l’insieme delle spese che sono necessarie per avviare l’attività e provvedere alla sua successiva gestione. Questa ricopre le spese per: ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili (fino al 30% del programma di spesa); impianti e macchinari nuovi di fabbrica; hardware e software, servizi TLC e soluzioni ICT; acquisto di materie prime, materiali di consumo, prodotti finiti, utenze, affitti, leasing e garanzie assicurative (fino al 20% del programma di spesa).

box-agendaIl finanziamento copre il 100% delle spese ammissibili e consiste per il 35% in un contributo a fondo perduto; per il restante 65% in un finanziamento bancario (concesso da una delle banche aderenti alla convenzione fra Invitalia e ABI e garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI, da restituire in 8 anni di cui 2 di preammortamento). Inoltre, il finanziamento si configura come un finanziamento a tasso zero, in quanto gli interessi che maturano su di esso vengono pagati direttamente da Invitalia all’istituto bancario prescelto.

Importante novità introdotta da RESTO AL SUD è la possibilità per i richiedenti di avvalersi gratuitamente di un servizio di accompagnamento e assistenza offerto da enti pubblici, università e organismi del terzo settore convenzionati con Invitalia. Ciò permette a quanti intendano presentare domanda di accedere alle agevolazioni senza addossarsi il costo relativo a servizi di consulenza esterni.

Per richiedere tale servizio è necessario registrarsi utilizzando il format online disponibile sul sito Invitalia nella sezione RESTO AL SUD. Sempre sul sito web è possibile consultare l’elenco delle banche e degli enti convenzionati (in continuo aggiornamento).

COME SI PRESENTA LA DOMANDA
L’istanza di partecipazione al bando si effettua esclusivamente online mediante la piattaforma Invitalia dedicata.box-banche
La registrazione è necessaria al fine di inoltrare la richiesta, e per poter essere effettuata il richiedente deve essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica PEC e un kit di firma digitale.

Non essendo un bando, RESTO AL SUD non ha date entro le quali effettuare la domanda, nè graduatorie. Tutte le domande vengono singolarmente valutate in base all’ordine cronologico di arrivo e i finanziamenti concessi fino ad esaurimento dei fondi.
Inoltre, l’esito della valutazione della domanda viene comunicato entro 60 giorni dalla presentazione della domanda stessa e prevede, dopo una prima valutazione formale dei requisiti, un colloquio (anche mediante Skype) al fine di effettuare una valutazione di merito che si focalizza sui criteri individuati dalla normativa, sulla competenza dei soci e sulla capacità potenziale dell’iniziativa.

Sul sito Invitalia è possibile trovare tutte le informazioni necessarie.

Chiunque fosse interessato o necessiti di ulteriori informazioni può contattare il numero azzurro 848 886 886 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 18 o scrivere un’email all’indirizzo info@invitalia.it

Riguardo Angelo Casano

Angelo Casano
Nato a Pantelleria il 12-11-1991, studente presso il corso di laurea in medicina e chirurgia dove ha ricoperto la carica di rappresentante del corso di studi. Scrive anche per il blog www.agorapnl.it e www.infouni.it

Check Also

joe-petrosino-1

“The Black Hand”, lo scrittore americano Stephan Talty, martedì 17 luglio a Palermo, incontra la stampa italiana. E il 19 luglio, a Palazzo dei Normanni, riceverà il premio “Joe Petrosino Sicilia”

Lo scrittore e giornalista statunitense Stephan Talty, martedì 17 luglio a Palermo, incontra la stampa italiana. Il 19 luglio, a Palazzo dei Normanni, riceverà il premio “Joe Petrosino Sicilia”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *