Home / #FLMPa / Quel treno da Tel Aviv a Palermo: Meir Shalev e Luciana Pepi
festival-letterature-migranti-570x300

Quel treno da Tel Aviv a Palermo: Meir Shalev e Luciana Pepi

È iniziato alle 19, presso l’archivio storico comunale, l’ultimo appuntamento con gli scrittori della prima giornata.

Ad arrivare è stato Meir Shalev, nato in un villaggio agricolo, Nahalal, e attualmente residente a Gerusalemme. Figlio del poeta Yitzchak Shalev, ha iniziato la propria carriera come presentatore di sketch comici alla televisione e alla radio. Delle sue opere, quelle conosciute in Italia sono E fiorì il deserto (Rizzoli, Milano 1990), e Per amore di una donna(Frassinelli, Milano 1999). È anche autore di libri per bambini e di saggi. Per molti anni ha curato una rubrica settimanale di commento satirico alla politica del governo e alla situazione della popolazione israeliana nel quotidiano “Yediot Ahronot”.

Lo scrittore si è confrontato con Luciana Pepi, insegnante di ebraico e ricercatrice, sul tema “Quel treno da Tel Aviv a Palermo”. Meir Shalev ha presentato La locomotiva, un libro di racconti progettato dieci anni prima che racconta il viaggio di un mezzo che dalla Sicilia vuole arrivare a Roma. La studiosa di lingua ebraica ha infatti richiamato una frase detta da Davide Camarrone: “Mentre noi pensavamo a Meir Shalev, Meir Shalev pensava a noi”. Si è anche conversato sulla tradizione ebraica, in cui memoria, scrittura e narrazione sono elementi essenziali. Infine, lo studioso ha parlato della sua esperienza da narratore e ha raccontato come in Israele sia normale per uno scrittore redigere opere sia per adulti che per bambini, e di come egli abbia iniziato il proprio percorso alla nascita dei figli, e come abbia trovato grande ispirazione dopo l’arrivo della nipote.

La serata si è conclusa a villa Niscemi con musiche arabe e sefardite del tempo della convivenza in Sicilia.

Riguardo Miryam Lo Dato

Miryam Lo Dato
Laureata in Lettere presso l'Università degli Studi di Palermo, specializzata in Filologia Moderna e Italianistica.

Leggi anche

Adriano Sofri racconta Kafka al Festival delle Letterature Migranti

Adriano Sofri presenta il suo ultimo libro “Una variazione di Kafka” al Festival delle Letterature Migranti. Durante la terza giornata della manifestazione Davide Camarrone, Direttore artistico dell’evento, dialoga con l’autore allo Steri, ragionando su...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *