Home / #IoDicoLaMia / Quel percorso ciclabile di Corso Vittorio
p

Quel percorso ciclabile di Corso Vittorio

Palermo è senz’altro una tra le città più belle d’Italia che, anche grazie al suo clima, riesce ad essere un polo attrattivo per turisti in tutte le stagioni dell’anno.
Migliaia di visitatori e residenti affollano ogni giorno le strade del centro storico del capoluogo siciliano. In particolare, Corso Vittorio rappresenta un punto strategico poiché conduce e ‘accompagna’ chi lo percorre verso attrattività turistiche di sconfinata bellezza, oltre a chi lo usa come via preferenziale per recarsi a lavoro o a scuola. Infatti, tale percorso, che si presenta come una micro rappresentazione della città per i forestieri e che è una via di comunicazione essenziale per gli abitanti, offre la possibilità di essere attraversato a piedi, con la macchina o con la bicicletta.

Già da tempo Palermo sta portando avanti il piano, approvato mesi fa, di “Mobilità dolce”, ossia la realizzazione e l’attivazione di una fitta rete di piste ciclabili per rendere la città più ecologica, vivibile e in linea con la grande tendenza europea.

Tuttavia, alcuni dei percorsi ciclabili ad oggi usati, non presentano delle buone condizioni nella pavimentazione. Tra questi, il centralissimo e già citato tratto di Corso Vittorio. Qui il manto stradale (come mostrano le foto) si presenta visibilmente discontinuo e logorato, tale da poter risultare rischioso per chi lo percorre. Tale deterioramento, che non può essere semplicemente coperto da una pianta posta al di sopra delle fessure, pone il problema della sicurezza e di una maggiore attenzione verso la manutenzione stradale al fine di evitare spiacevoli ed evitabili incidenti e danni a cose o persone. Non per ultimo, un più sentito interesse a tale problema, accrescerebbe il decoro urbano e l’immagine che cittadini e visitatori hanno di questa città.

 

Per qualsiasi segnalazione si può consultare il sito http://palermo.decorourbano.org/

Riguardo Miryam Lo Dato

Miryam Lo Dato
Laureata in Lettere presso l'Università degli Studi di Palermo, specializzata in Filologia Moderna e Italianistica.

Leggi anche

logo unicef

E’ solo un bambino? Trent’anni di Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

Riflessioni in occasione del trentennale della Convenzione ONU sui Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza (1989-2019)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *