Home / #IoDicoLaMia / Primo maggio, la festa dei lavoratori anche quando il lavoro non c’è
primo maggio

Primo maggio, la festa dei lavoratori anche quando il lavoro non c’è

Non proprio una festa felice quella del primo maggio di quest’anno. La festa dei lavoratori, anche se a mancare è proprio il lavoro per i più giovani.

Non a caso il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo discorso al Quirinale per la cerimonia legata alla Festa del Lavoro ha rivolto un augurio pieno di affetto alle migliaia di giovani che festeggiavano in piazza San Giovanni per il “concertone tradizionale”. E’ a loro che Sergio Mattarella, chiudendo il suo discorso, affida gran parte del finale: «Non possiamo assistere inerti allo spreco di larga parte di una generazione. L’Italia non può permetterselo. L’occupazione dei giovani è più bassa della media europea, segni di difetti specifici e strutturali del nostro sistema: ne sono una conseguenza anche dati congiunturali che segnalano benefici occupazionali per i cinquantenni – il che è positivo – ma non per i venticinquenni».

Secondo gli ultimi dati Istat riportati dal Sole 24 Ore qualche giorno fa, nel mese di Marzo il tasso di disoccupazione è risultato pari all’11,4%, in diminuzione in cifre assolute, secondo i dati diffusi dall’Istat di circa 2 punti percentuali. Quanto al tasso di disoccupazione dei 15-24enni, questa si è attestata al 36,7%, meno 1,5% sul mese precedente e 5,4 punti sull’anno. Ma, a soffrire delle mancanza di lavoro sono proprio i giovani del Sud : Calabria, Sardegna e Sicilia, figurano tra i dieci territori Ue col tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) più elevato.

Stando invece ai giovani laureati siciliani che il lavoro ce l’hanno, secondo il  XVIII Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati, risulta che 13.366 laureati dell’Università di Palermo, in media, anche diversi anni dopo il conseguimento della laurea, guadagnano poco più di mille euro al mese e solo 48 laureati su 100 svolgono una professione attinente al percorso di studio effettuato, e considerano il loro titolo efficace per il proprio lavoro.

Insomma un primo maggio non proprio troppo allegro per i giovani italiani e soprattutto per i giovani del Sud . Il tempo incerto quasi su tutta la penisola non è stato neppure di aiuto. Diverse feste in programma sono state annullate. A Palermo per esempio la festa del lavoro organizzata dall’Udu- Unione degli universitari- prevista in piazza Maggione è stata spostata a giorno 8 Maggio, perchè anche se il lavoro tarda ad arrivare e il tempo non aiuta il primo maggio è una grande festa della democrazia che vale comunque la pena festeggiare.

Riguardo Angelo Casano

Angelo Casano
Nato a Pantelleria il 12-11-1991, studente presso il corso di laurea in medicina e chirurgia dove ha ricoperto la carica di rappresentante del corso di studi. Scrive anche per il blog www.agorapnl.it e www.infouni.it

Leggi anche

girasole_news

UE, le previsioni economiche di estate 2019

Nonostante le previsioni di crescita positive per il 2019, le tensioni commerciali e le incertezze …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *