Home / #ErsuCultura / Presentazione del libro “Ti la scordi la Merica!” di Calogero Pumilia presso il CUPA
9788886911641_0_0_750_80

Presentazione del libro “Ti la scordi la Merica!” di Calogero Pumilia presso il CUPA

Domani pomeriggio, giorno 7 p.v. alle ore 16, presso l’aula “Luca Crescente” del Consorzio Universitario di Agrigento, sarà presentato il libro dell’On. Calogero Pumilia “Ti la scordi la Merica!”, ed. Aulino.
L’autore racconta dell’emigrazione dei caltabellottesi, dal paese natio verso gli Stati Uniti d’America, avvenuta dal 1892 al 1924.
Interverranno il Prof. Marcello Saija, docente di Storia delle istituzioni politiche dell’Università di Palermo, e lo storico Avv. Giandomenico Vivacqua.
L’evento sarà introdotto e presieduto dal Prof. Gaetano Armao, Presidente del Consorzio Universitario della Provincia di Agrigento.

Riguardo Redazione

Redazione
Se vuoi collaborare, dando il tuo contributo con articoli, video e fotografie, invia una mail a ufficiostampa@ersupalermo.gov.it indicando nome, cognome, telefono e mail di riferimento e mettendo come oggetto “IoStudioNews”.

Leggi anche

locandina generale

Al via la terza edizione del Mondello Mudd Festival

Il Mondello Mudd Festival, il cui nome deriva dall’etimo arabo di Mondello (unità di misura equivalente a circa 273 mq e 4 lt), è un festival diffuso ed interdisciplinare, realizzato in sinergia con istituzioni, realtà culturali, associazioni e aziende private, che vede quest’anno, come terza edizione, dal 9 al 16 giugno anche la collaborazione speciale dell’Accademia di Belle Arti di Palermo. Si tratta di un progetto partecipato, con un forte coinvolgimento del territorio, capace di attrarre nuovi stimoli esterni. Gli eventi del festival (simposi, performance, esposizioni artistiche) vengono portati nei luoghi più suggestivi che raccontano la cittadina di Mondello. Il festival vuole dare un contributo concreto allo sviluppo della borgata marinara, che ha in sé le qualità e le potenzialità per diventare un nuovo polo attrattore di flussi di turismo culturale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *