Home / #ErsuCultura / Presentazione del libro “Ti la scordi la Merica!” di Calogero Pumilia presso il CUPA
9788886911641_0_0_750_80

Presentazione del libro “Ti la scordi la Merica!” di Calogero Pumilia presso il CUPA

Domani pomeriggio, giorno 7 p.v. alle ore 16, presso l’aula “Luca Crescente” del Consorzio Universitario di Agrigento, sarà presentato il libro dell’On. Calogero Pumilia “Ti la scordi la Merica!”, ed. Aulino.
L’autore racconta dell’emigrazione dei caltabellottesi, dal paese natio verso gli Stati Uniti d’America, avvenuta dal 1892 al 1924.
Interverranno il Prof. Marcello Saija, docente di Storia delle istituzioni politiche dell’Università di Palermo, e lo storico Avv. Giandomenico Vivacqua.
L’evento sarà introdotto e presieduto dal Prof. Gaetano Armao, Presidente del Consorzio Universitario della Provincia di Agrigento.

Riguardo Redazione

Redazione
Se vuoi collaborare, dando il tuo contributo con articoli, video e fotografie, invia una mail a ufficiostampa@ersupalermo.gov.it indicando nome, cognome, telefono e mail di riferimento e mettendo come oggetto “IoStudioNews”.

Leggi anche

primavera shima

La pianista Primavera Shima per l’ultimo concerto della stagione di Palermo Classica

Per la rassegna invernale “Passione e Impeto” di Palermo Classica, domenica 7 aprile alle ore 19.15 si terrà il concerto della pianista Primavera Shima, acclamata pianista australiana di fama internazionale, che chiuderà la stagione. Interprete di raffinata tecnica, virtuosismo e riflessione, eseguirà un programma dedicato a P.I. Tchaikovsky, S. Rachmaninov e F. Liszt/Wagner. La rassegna“Passione e Impeto” , in programma dal 16 dicembre al 7 aprile 2019, si svolge all’interno dell’Auditorium San Mattia dei Crociferi, in via Torremuzza 29 alla Kalsa. La chiesa, con l’annesso convento, fu edificata nel 1686 da Giacomo Amato, per i Padri Crociferi, ed è disposta su un lotto stretto e lungo. Il prospetto sulla via Torremuzza unisce al rigore tardo-rinascimentale il vigore plastico delle membrature in pietra; sopra il portale principale è un medaglione con l’immagine in stucco di S. Mattia. Presenta una forma particolarmente rara: ha pianta ottagonale coperta da grande cupola. L’edificio conventuale e la chiesa, dal 1886 sono passati di proprietà al Comune e sono stati adibiti ad uffici, oltre ad ospitare mostre ed eventi culturali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *