Home / #scoprisicilia / Percorso arabo-normanno: una visita serale sui tetti della cattedrale
Foto della cattedrale di Palermo
Foto della cattedrale di Palermo

Percorso arabo-normanno: una visita serale sui tetti della cattedrale

La cattedrale metropolitana primaziale della Santa Vergine Maria Assunta, meglio nota come cattedrale di Palermo, rappresenta una delle costruzioni ecclesiastiche maggiormente conosciuta della città.

La cattedrale, che è situata nel cuore del centro storico del capoluogo siciliano, fa parte del percorso arabo-normanno dichiarato dall’UNESCO “Patrimonio mondiale dell’umanità”. Lo stile arabo-normanno, un’unicità che non ha eguali al di fuori della Sicilia, vede l’incontro di due mondi: il mondo arabo-musulmano si fonde con quello normanno-cattolico.

Già dall’8 luglio, seguendo il calendario riportato sul sito http://www.cattedrale.palermo.it/ e salvo avverse condizioni meteorologiche, la cattedrale di Palermo dà la possibilità a tutti i suoi visitatori di essere protagonisti di uno spettacolo panoramico. Infatti, la cattedrale offre un tour serale che permette di ammirare da vicino gli elementi artistici e architettonici dell’edificio, ma anche di godere dall’alto delle bellezze e ricchezze paesaggistiche e monumentali del centro storico palermitano. Come riportato anche sul sito della cattedrale, la visita non è consentita ai cardiopatici, a coloro che soffrono di claustrofobia, vertigini, disabilità psicofisica e attacchi di ansia.

Insieme alla Cattedrale di Palermo fanno parte dell’itinerario la Cappella Palatina, il Palazzo Reale, la Chiesa di San Giovanni degli Eremiti, la Chiesa Santa Maria dell’Ammiraglio, la Chiesa di San Cataldo, il Ponte dell’Ammiraglio e il Palazzo della Zisa. A questi si aggiungono i Duomi di Monreale e Cefalù.

Riguardo Valeria Cannizzaro

Valeria Cannizzaro
Sono nata a Palermo nel 1992. Sono laureata in lingue, ho un master in Global Marketing e uno in Business Administration. Sono appassionata di eventi culturali, di libri e di cinema.

Leggi anche

teatro greco siracusa

Siracusa, città teatro

Tre sono le nuove produzioni, 48 le repliche tra il 9 maggio e il 6 luglio, oltre 100 gli attori che si esibiranno nella cavea del Teatro Greco di Siracusa, due gli eventi unici: il primo luglio Luca Zingaretti legge La Sirena dal racconto Lighea di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, il 25 luglio il concerto di Ludovico Einaudi. Nella Stagione dell’Inda non solo teatro perché il 20 giugno è in programma Agon, il processo simulato che vedrà salire sul banco degli imputati Elena di Troia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *